Una Verità Scomoda

Viaggiare in Modo Sostenibile è Troppo Difficile

Viaggiare è imperativo per avere un pianeta sano: ci aiuta a capire meglio il mondo e la sua sconfinata diversità. Ma nel 2020 il “viaggio sostenibile” non è solo una contraddizione, è quasi impossibile. E deve cambiare.

Alla fine del 1974, il cineasta tedesco Werner Herzog ha camminato per 600 miglia da Monaco a Parigi per visitare un’amica molto malata. Credeva che l’atto di camminare potesse aiutare a mantenerla in vita. L’escursione fredda e nevosa fu poi documentata nel libro di Herzog del 1978, Sentieri nel ghiaccio.

In agosto del 2019 l’attivista climatica Greta Thunberg ha attraversato l’Atlantico in uno yacht alimentato da turbine eoliche, solari e subacquee. Stava viaggiando a New York per partecipare al vertice sul clima delle Nazioni Unite. Il viaggio durò due settimane e alla barca mancavano cucina, bagni o doccia.

Se volete percorrere una grande distanza e vuoi farlo con zero emissioni, ovvero carbon neutral, in modo da rispettare l’ambiente, Werner e Greta hanno esposto due delle migliori opzioni di trasporto. Se volete applicare questi principi meravigliosamente responsabili e avere un’esperienza piacevole, a parte per alcune ferrovie, non ci sono molte alternative. Il che è ironico perché viaggiare indubbiamente rende il mondo più sano, dato che è uno dei modi più efficaci per sviluppare empatia per le diverse culture e capire meglio le sfide uniche che devono affrontare.

Gli esseri umani devono continuare a viaggiare. E viaggiare in modo sostenibile deve essere più facile.

Soneva Fushi boutique hotel in the Maldives
Soneva Fushi nelle Maldives

Hotel Eco Sostenibili

L’anno scorso abbiamo parlato diverse volte della sostenibilità e dei viaggi. Abbiamo scritto delle frustrazioni del viaggio in treno ad alta velocità negli Stati Uniti, degli effetti dei cambiamenti climatici su Venezia e Porto Rico. Abbiamo raccontato la battaglia per il deserto dell’Alaska e l’ascesa del turismo da fine del mondo. Ci siamo persino chiesti se i social media potessero finire per distruggere alcuni dei nostri posti, e porcellini, preferiti.

Non abbiamo, però, ancora affrontato il tema della sostenibilità e degli hotel perché, onestamente, non siamo sicuri di come procedere nel modo più appropriato. Ci sono molti hotel che si impegnano  per essere sostenibili ed ecologici, come il gruppo Six Senses, e dovrebbero essere applauditi per i loro sforzi. Six Senses Con Dao aiuta a gestire un santuario delle tartarughe e fornisce educazione ambientale e alle abilità di vita ai bambini dell’isola, mentre Six Senses Ninh Van Bay ripara le barriere coralline e implementa un sistema di filtrazione che fornisce acqua potabile pulita agli abitanti della zona. Altri, come il Proximity Hotel a Greensboro, creano un intero stile sulla base di questo concetto, immettendo nel suo stesso DNA il bisogno di soddisfare le rigorose certificazioni LEED.

Ma è mai abbastanza?

Guarda le Maldive. Circondato dall’oceano nel paese più basso del mondo, un hotel come il Soneva Fushi viene giustamente lodato per l’uso di materiali riciclati, il controllo delle emissioni di carbonio e la sua pionieristica sostenibilità al punto da avere una macchina per trasformare la plastica in souvenir. Ci piacerebbe indicare questi esempi e dire che stanno risolvendo la crisi della sostenibilità, un hotel alla volta. La verità è che non importa cosa fa Soneva Fushi per la sostenibilità, il fatto deprimente è che attrarre turisti è un pericolo per l’ambiente.

Dimenticate gli impatti del turismo eccessivo. O la perdita di habitat naturali. A meno che non stiate seguendo la rotta di Greta, anche solo arrivare alle Maldive è problematico.

Greta
Greta Thunberg

Voli Aerei

Sebbene il trasporto aereo contribuisca solo a circa il 2,5 percento delle emissioni globali, infatti, assume un’influenza fuori misura perché è il “peccato ambientale più grave” per la maggior parte di noi su base individuale. La continua proliferazione di viaggi aerei a prezzi accessibili significa che le emissioni degli aeroplani raggiungeranno il triplo entro il 2050.

La soluzione più responsabile è semplicemente smettere di volare. Poiché questa è una prospettiva così scoraggiante, come molte delle risposte ai cambiamenti climatici, sembra difficile capire come contribuire effettivamente alla soluzione. Molte persone non smetteranno di volare, come molte non diventeranno vegane.

Guardate Greta Thunberg. Continuando a non voler viaggiare in aereo,  lo scorso dicembre ha navigato da New York in Europa su una barca a vela, rifiutando di contribuire all’aumento delle emissioni di carbonio. Non solo questa non è un’opzione disponibile per la maggior parte di noi, ma nemmeno una che molti di noi vorrebbero prendere in considerazione. E quello era esattamente il punto di Greta. Come ha detto ai media: “Non sto viaggiando in questo modo perché voglio che tutti lo facciano. Sto facendo questo tipo di per inviare il messaggio che è impossibile vivere in modo sostenibile oggi e che deve cambiare. Deve diventare molto più semplice. “

Le proteste di Greta Thunberg mirano a costringere i governi ad assumersi la loro responsabilità, a farsi avanti e a ridurre drasticamente le emissioni nei loro paesi. Tracciare un percorso di successo per la salute a lungo termine del pianeta richiederà soluzioni enormi, una ristrutturazione fondamentale e la volontà di intere nazioni. La carità e il sacrificio volontario di cittadini privati e piccole imprese è incoraggiante e necessario, ma non sarà sufficiente.

Plane
Viaggiare in aereo è davvero il più grave peccato ambientale?

Compensazione Delle Emissioni

La soluzione più comune per le costose emissioni di carbonio dei viaggi aerei si chiama compensazione del carbonio. Come ogni soluzione per i cambiamenti climatici, è piena di critiche e contraddizioni, ma a parte il fatto di non volare, potrebbe essere l’opzione migliore per mitigare l’impronta di carbonio prima del decollo.

Utilizzata da molte delle principali compagnie aeree nell’ultimo decennio, la compensazione del carbonio significa il finanziamento di progetti in tutto il mondo che contrastano le emissioni di CO₂. “Include progetti per sviluppare energia rinnovabile, catturare metano da discariche o bestiame o distribuire stufe di cottura più pulite”, scrive una guida. Se acquisti un carbon offset per il tuo volo, stai provando a togliere la stessa quantità di CO₂ dall’ambiente in cui il tuo aereo vi ha inserito.

Questo processo non viene solo facilitato dalle compagnie aeree, ci sono siti web specializzarti che possono aiutarvi a calcolare il costo del carburante del vostro viaggio e indirizzarvi verso progetti di compensazione Gold Standard da acquistare come individuo.

In teoria, la compensazione sembra un ottima scelta. E questo è anche il suo problema. Francamente, è troppo facile. All’inizio delle compensazioni nel 2011, più di qualcuno si riferiva alla pratica come l’equivalente moderno dell’acquisto delle indulgenze papali nel Medioevo, ovvero un modo conveniente per eliminare la colpa senza effettivamente cambiare le abitudini. Ciò che i viaggiatori devono comprendere appieno, spiegano gli esperti, è che “il modo più efficace per affrontare il cambiamento climatico è smettere di emettere”. Non vi è alcuna riduzione assoluta dell’inquinamento quando si acquista una compensazione.

Gorilla
Turismo per i gorilla

Turismo Di Preservazione

Molti sottolineano che le compagnie aeree devono ridurre le proprie emissioni. Come contrappunto, il fondatore di Beyond Green Travel – una società di consulenza per il turismo sostenibile – a novembre ha scritto un editoriale sostenendo che senza viaggi aerei per servire il turismo in alcune parti del mondo, gli incentivi finanziari per particolari sforzi di conservazione scomparirebbero. “Quando le comunità locali beneficiano del turismo, diventano partner e alleati nel salvare la natura”, ha affermato Costas Christ.

Insieme alla Tanzania e alla Colombia, altri luoghi dove si vedono gli effetti positivi del turismo sono la Ruanda e l’Uganda, dove l’industria del turismo è stata costantemente elogiata per il finanziamento della protezione del gorilla di montagna, estremamente minacciato, e per le scuole e le infrastrutture per le comunità locali. Cristo difende i viaggi aerei a costo di carbonio citando i benefici di questo tipo di interesse ecologico, sostenendo che” senza turismo, è facile immaginare che il Serengeti si trasformerebbe in fattorie di allevamenti di bestiame “.

Naturalmente, questo argomento ha senso solo se si viaggia con un operatore responsabile, che si assicura che il denaro ricavato dal turismo raggiunga la comunità locale, in modo sostenibile, e effettivamente finanzi la conservazione. È una sorta di punto d’orgoglio nel mondo del turismo, e non mancano gli operatori pronti a mettervi in contatto con guide ed esperienze responsabili a livello locale. G Adventures, Adventure Alternative e altri, ad esempio, si concentrano sul turismo etico e sostenibile in tutto il mondo. È un modo per viaggiare e impegnarsi per la sostenibilità.

E’ comunque altrettanto evidente la confutazione che il turismo di conservazione in alcuni angoli del mondo, non importa quanto positivo, non giustifichi i frequenti viaggi aerei verso i centri urbani. In questo contesto anche salvare il gorilla di montagna diventa un granello di sale.

Proximity Hotel in Greensboro
Proximity Hotel a Greensboro, NC

Rivoluzione Ambientale

La conversazione ambientale dei viaggi è ripetutamente inquadrata in termini religiosi, per riflettere la natura apocalittica della situazione. Il viaggio aereo è il “peccato ambientale più grave”. Gli offset sono le “indulgenze” dei giorni nostri. I critici degli eco-turisti confondono la cura e l’impegno con un complesso messia.

Ad ottobre Booking.com ha fatto un test che ha mostrato come i viaggiatori in particolare evitino di prenotare gli hotel indicati come ecologici. Sia che pensassero che il loro soggiorno sarebbe stato in qualche modo peggiore in un hotel ecologico o che attaccassero volutamente e cinicamente gli amanti degli alberi, i risultati dei test dimostrano che abbiamo ancora molta strada da fare.

Creare una vera consapevolezza del problema è il primo passo fondamentale, che richiede sforzi grandi e piccoli – dalle compensazioni di carbonio e dalle donazioni di beneficenza fino agli accordi internazionali.

Tutto inizia con l’attenzione di attivisti come Greta Thunberg. Secondo il Guardian, è stato il cosiddetto “effetto Greta Thunberg” a “guidare la domanda di schemi di compensazione del carbonio” negli ultimi anni. La speranza è che porterà a molto di più. I governi devono prendere l’iniziativa e attuare politiche che stimolino l’innovazione e la revisione del quadro fondamentale di come interagiamo con il mondo naturale. Lavorare per garantire il futuro del pianeta dovrebbe essere una priorità su tutta la linea, non solo un gioco marginale.

Niente in questo mondo è garantito. Neanche questo mondo. Basta guardare il resto del nostro sistema solare per vedere come le probabilità contro la vita planetaria si accumulano. Nel grande schema cosmico delle cose, non ci vorrebbe molto per spazzare via tutto.

Ecco perché ogni azione conta, ma nulla conta quanto una rivoluzione a tutto tondo. Quindi, se potete, riducete i voli. Prendete i treni quando possibile. Soggiornate più spesso in hotel ecologici.  Sicuramente fate tutte queste cose assieme, ma anche continuate a fare pressione sul governo e sui suoi rappresentanti. Dite loro che vivere in modo sostenibile deve essere più facile. E non lasciatevi scoraggiare da quelli che cercano di mantenere lo status quo. Il cambiamento arriverà lentamente, ma alla fine lo status quo diventerà un pianeta sostenibile.

Cosa Possiamo Fare Per Aiutare?

È difficile viaggiare in modo sostenibile, ma è ancora più difficile relazionarsi con persone e luoghi diversi se non è possibile visitarli. Dato che siamo un’azienda che celebra gli hotel e l’ospitalità, vogliamo che viaggiate e conosciate tutte le culture del mondo, ma vogliamo anche incorporare i principi di sostenibilità e fare la nostra parte per preservare la salute del nostro pianeta.