L’Ultima Frontiera

La Natura Selvaggia dell'Alaska

L’Alaska è un meraviglioso frammento ella natura. È anche un palcoscenico della lotta tra la conservazione ambientale e lo sviluppo industriale. La scrittrice Ilona Kauremszky ha seguito la scia del naturalista John Muir in Alaska per vedere la situazione in prima persona.

“Quando tiri su un singolo elemento in natura, scopri che è attaccato al resto del mondo.”–John Muir, The Yosemite.

Quando, alla fine del 1800, il naturalista John Muir navigò sui canali ghiacciati del sud-est dell’Alaska con una nave a vapore, il suo scopo era quello di scoprire i ghiacciai e le formazioni geologiche responsabili delle sculture che si estendono fino alla Yosemite Valley in California. Dire che ha trovato i ghiacciai che cercava sarebbe un eufemismo. Ciò che non ha trovato allora, però, è qualcosa che esiste oggi: milioni di acri di terra e specie autoctone protette dalla legge contro lo sviluppo e la distruzione dei loro ecosistemi.

Ai tempi di Muir il valore dell’aspetto naturale dell’Alaska non era così chiaro. Nel 1867, ad esempio, l’anno in cui la Russia vendette l’Alaska per soli $ 7.2 milioni, le lontre marine erano già sulla buona strada per l’estinzione. Oggi, per fortuna, le cose sono cambiate e il Glacier Bay National Park è un rifugio sicuro per numerose specie in via di estinzione.

Hemingway House
Leoni marini nel Parco Nazionale di Glacier Bay. Foto di Stephen Smith.

A salvare le lontre dall’estinzione fu un trattato internazionale del lontano 1911, ed è stato il grande impegno di ambientalisti e politici che ha contribuito a preservare gli ecosistemi naturali straordinariamente diversi che esistono in Alaska. Una politica nazionale, conosciuta come Roadless Rule e che fu approvata dal presidente Clinton nel 2001, ha assicurato la protezione a circa la metà della foresta pluviale Tongass dal disboscamento e dallo sviluppo. Ciò significa alberi che non vengono tagliati, corsi d’acqua protetti, il che significa anche più salmone e un ecosistema più sano. Per non parlare di un’ambiente meno contaminato che attira i turisti.

Da qui il fatto che il business delle crociere all’interno dell’Alaska, proprio come quella che aveva fatto John Muir tanti anni fa, è diventato una grande fonte di guadagno. Ma man mano che cresce l’interesse per le meraviglie naturali dell’Alaska, cresce anche la necessità di preservarne gli habitat. Fino ad ora questi sono sopravvissuti alle sfide dei politici, ma proprio lo scorso agosto il presidente Trump ha incaricato il suo segretario all’Agricoltura di esonerare la foresta nazionale dell’Alaska Tongass dalle restrizioni imposte nel 2001 e rilasciare quasi 10 milioni di acri protetti al disboscamento “per progetti energetici e minerari “.

Questi cambiamenti possono danneggiare molto più del semplice ambiente. Come sottolinea un gruppo di conservazione ambientale, il turismo impiega quasi 8000 persone nel sud-est dell’Alaska, mentre questo nuova fonte di sfruttamento delle risorse fornirebbe poco più di un migliaio di posti di lavoro.

Considerando tutto questo, Ilona ha intrapreso una spedizione di una settimana per vedere da vicino questo ambiente pieno di innegabili ricchezze ecologiche e ce lo racconta qui di seguito.

Wreckers
Megattere. Foto di UnCruise Adventures.

Il Parco Nazionale di Glacier Bay

I set sail from Juneau in the S.S. Legacy, a 90-passenger Victorian steamship reproduction from UnCruise Adventures that has a real John Muir charm about it. More sea lodge than cruise ship, the vessel had no wi-fi and no cellphone service — whales and the wilderness were the star attractions.

When the skipper announced “whales starboard!” everyone on the ship jumped from the dinner table to feast their eyes on a Mother Nature show of the wildest kind: a pod of killer whales. It was a preview of what was to come. In just seven days on the S.S. Legacy, we managed to tick off a list of rare animal sightings that goes beyond what most people can even imagine.

Our first stop aboard the ship was Glacier Bay National Park, where nutrient-rich tidal pool waters rush in and out at the mouth of the bay like a giant sieve. The ebb and flow of these tides churn out a smorgasbord of organisms, from smelt-like capelins to wild salmon, that feeds sea lions, sea otters, bald eagles, brown bears, and humpback whales — all on either the endangered or the protected list.

Fortunatamente alcune specie “minacciate fuori dall’Alaska” prosperano all’interno dei confini del parco.

Wreckers
Il Parco Nazionale e riserva di Glacier Bay. Foto di Stephen Smith.

Glacier Bay è un fenomeno in continua evoluzione. Duecentocinquanta anni fa quella che oggi è una baia era completamente ricoperta di ghiaccio. Gli scienziati ritengono che lo scioglimento del ghiaccio allora sia stato un fenomeno diverso dal riscaldamento globale causato dall’uomo oggi, ma lo chiamano “il più veloce ritiro glaciale mai documentato”. Tuttavia, il ghiaccio ha lasciato segni rivelatori: picchi di montagna levigati, spiagge ghiaiose e un bizzarro fenomeno chiamato “sollevamento isostatico”. Ciò significa che la terra stessa sta ancora riemergendo, dopo migliaia di anni in cui era compressa dal ghiaccio, e in questo modo sostiene la vita delle piante.

Attraversiamo South Marble Island. Si sente un odore pungente ancor prima di vederli: una colonia di leoni marini stellari in via di estinzione su un isolotto roccioso che è il risultato della deglaciazione. I loro colli si alzano verso il cielo, alcuni leoni marini posano come statue mentre altri si tuffano nel mare vetroso in cerca di merluzzo giallo e salmone. “La popolazione sta bene, stanno crescendo fino all’8% all’anno, la crescita più rapida registrata”, afferma la dott.ssa Jamie Womble, biologa della fauna selvatica specializzata in leoni marini e lontre marine.

Nel 1987, quando Dan Blanchard iniziò a condurre UnCruise Adventures a Glacier Bay, non vedeva mai le lontre di mare. “Ora sono cresciute in modo esponenziale”, afferma il dott. Womble parlando del più grande ritorno degli animali di Glacier Bay. “Ne vediamo alcune migliaia nel parco, a volte oltre un migliaio di animali su una zattera.”

Sea Turtlers
La Foresta Nazionale di Tongass. Foto di Stephen Smith.

La Foresta Nazionale di Tongass

Situata intorno al Inside Passage, la Foresta Nazionale di Tongass è la più grande foresta nazionale d’America e una delle ultime foreste pluviali temperate del mondo. Si estende su quasi 17 milioni di acri e contiene alberi risalenti a circa 500 anni fa. Brulica di vita, il lichene boreale pende dagli alberi come il muschio spagnolo nel profondo sud. Sotto le cattedrali di imponenti abete rosso e di Sitka, piccole sacche di vita penetrano nella fitta vegetazione.

Di tutte le meraviglie naturali dell’Alaska, Tongass è il più sorprendente. È l’oca d’oro delle foreste d’America ed è in pericolo. Meredith Trainor, direttore esecutivo dell’organizzazione locale senza scopo di lucro incaricata di proteggere la foresta nazionale di Tongass che si chiama Southeast Alaska Conservation Council, lamenta i pericoli rappresentati dal ritorno del disboscamento e che rappresenta meno dell’1% dell’occupazione nella regione. “Stiamo davvero parlando di un piccolo pezzo di torta economica che domina totalmente” afferma, osservando che “il potenziale impatto su tutte queste incredibili specie nel sud-est dell’Alaska che sono ancora intatte e in molti casi fiorenti” potrebbe essere straziante.

USS Alligator
La Foresta Nazionale di Tongass. Foto di Stephen Smith.

La nave vola a sud oltre l’Admiralty Island, che si dice che abbia più orsi bruni per concentrazione di qualsiasi altra parte del pianeta, e arriviamo sull’isola di Chichagof, un altro paradiso per gli orsi bruni. Persino la vista degli escrementi di un orso scatena la nostra immaginazione. In piedi su un morbido tappeto muschioso, con gli strati di aghi di pino e il sottobosco come un cuscino, ci avviciniamo alla materia fecale con le bacche visibilmente sporgenti. Fortunatamente per gli orsi, il Tongass è una cornucopia di cibi naturali. Rimarrà così?

Sulle Isole Keku, una delle aree interessate da eventuali modifiche alla Roadless Rule (dove si vieta la costruzione di strade) richieste dall’amministrazione, c’è una marea potente che si avvicina a quella al largo della Baia di Fundy in Canada. Le aquile calve riposano su alberi nodosi in cima a isolotti rocciosi. “The Inside Passage è un punto caldo dell’aquila calva”, sottolinea l’ornitologo Gwen Baluss, aggiungendo che l’uccello nazionale americano, che è una specie minacciata, “è diventato uno degli uccelli più facili da individuare qui”.

“La domanda ora è”, chiede Meredith Trainor, “Lasceremo che facciano un cambiamento alla Roadless Rule? O continueremo a proteggere un sistema diverso da qualunque altro? “

Map and Lighthouse
Lontre. Foto di UnCruise Adventures.