La Corsa Alla Rovina

Turismo da giudizio universale

Mentre le calotte polari si sciolgono e le barriere coralline muoiono, i turisti si affrettano a vedere i tesori più preziosi del mondo prima che scompaiano. Questi viaggi possono accrescere la consapevolezza di quanto sia importante salvaguardarli, ma a volte tutta questa attenzione ha un effetto contrario.

Se il cambiamento climatico ci ha insegnato qualcosa, è che nulla dura per sempre. Paesaggi e forme di vita che un tempo sembravano indistruttibili ora appaiono sorprendentemente fragili. È già un miracolo che il nostro pianeta sia abitabile, e ora stiamo vedendo che uno spostamento di pochi gradi della temperatura potrebbe trasformarlo in modi potenzialmente catastrofici.

Ora i viaggiatori si precipitano a vedere attrazioni che rischiano di scomparire, un fenomeno detto turismo da giorno del giudizio. Le folle  possono aiutare ad aumentare la consapevolezza del bisogno di fare qualcosa, ma la loro stessa presenza può anche accelerarne la scomparsa.

Considerando che a questo si aggiunge una popolazione sempre più modernizzata e mobile, con navi da crociera che approdano praticamente in Piazza San Marco a Venezia e turisti cinesi che hanno superato i 149 milioni di viaggi all’estero nel 2018, anche in luoghi non propriamente in pericolo da punto di vista climatico il turismo eccessivo si sta trasformando da risorsa a minaccia. Vediamo assieme alcuni casi, senza dare troppi giudizi.

Churchill, Manitoba

Gli Orsi Polari di Churchill

Manitoba, Canada

Ogni autunno gli orsi polari migrano verso Churchill a Manitoba per aspettare l’arrivo del ghiaccio nella baia di Hudson. I turisti li seguono, approfittando di escursioni e safari artici per vedere il simbolo vivente della vulnerabilità ai cambiamenti climatici in ciò che rimane del suo habitat.

Quando il ghiaccio marino nell’Artico scompare del tutto, l’orso polare si estinguerà, questa è chiaramente una mecca per il turismo dell’ultima opportunità. La domanda che molti si fanno è: i turisti qui sono appassionati di ciò che sta accadendo o stanno solo cercando di scattare foto mentre ancora possono? Alcuni ricercatori hanno studiato proprio gli atteggiamenti dei turisti e le loro statistiche hanno concluso che il 60% dei turisti vorrebbero vedere gli orsi polari anche se sono emaciati.

Del resto non possiamo biasimarli, non è colpa loro se gli orsi polari stanno perdendo il loro mezzo di sopravvivenza. Inoltre, per quanto sia difficile considerare il cambiamento climatico una questione di responsabilità personale, alcune cifre mettono il turismo in prospettiva. Secondo i dati, per ogni volo transatlantico di andata e ritorno, si perdono quasi 3 metri quadrati di ghiaccio marino artico. Tenendolo presente, uno studio iniziale sui turisti di Churchill ha rivelato che, dopo una visita in questa zona, circa la metà avrebbe “apportato alcune modifiche al loro stile di vita in modo da ridurre le emissioni di gas serra ”. Un altro 46 percento ha dichiarato di essere aperto al pagamento di un’imposta sulle emissioni di carbonio per compensare eventuali danni arrecati dal volo.

Se questi siano numeri incoraggianti o meno dipende da voi. Ma, se il turismo dell’ultima opportunità sarà un fenomeno che dura per sempre, sono i numeri che contano.

Havana

Havana

Cuba

L'”ultima possibilità” di Cuba è arrivata di recente ed è stata interamente causato dalla politica. Dopo che le restrizioni di lunga durata sui viaggi americani nell’isola sono state allentate dal presidente Obama nel 2016, i viaggiatori statunitensi hanno quasi istantaneamente rappresentato la seconda più grande quota di turisti sull’isola.

Naturalmente molti ci sono andati solo perché hanno finalmente potuto falrlo, ma altri ci andarono di corsa per vedere Cuba prima che le impronte di sabbia di un milione di turisti americani cambiassero per sempre il volto del paese. Un agente di viaggio ha spiegato il ragionamento dei suoi clienti, dicendo che volevano visitarla “mentre era ancora un po’ autentica.”

Col senno di poi, queste visite da parte degli americani erano prevedibili. I turisti americani e le grosse navi da crociera che li portavano a Cuba a flotte non avevano intenzione di inondare permanentemente l’isola, distruggendone l’autenticità culturale, ma stavano per far tornare tutto allo status quo.

L’amministrazione americana successiva, infatti, prese il disgelo di Obama nelle relazioni tra i due paesi e lo congelò di nuovo. Quelli che non hanno visto Cuba durante quei 3 anni potrebbero aver perso l’occasione.

Galapagos Islands

Isole Galapagos

Ecuador

Le Galapagos sono un altro esempio per eccellenza di questo fenomeno, non solo per le sue iguane, le tartarughe giganti e una miriade di specie di uccelli che qui sono protetti, ma per il fatto che l’aumento del turismo è stato specificatamente indicato come uno dei cinque principali motivi di tale vulnerabilità dall’UNESCO .

Ma, anche se un aumento dei turisti e la conseguente crescita di infrastrutture minaccia l’isola, i dollari del turismo portano a maggiori risorse per la conservazione. “Non stiamo dicendo di non venire qui “, ha detto un tour operator. “Stiamo dicendo che dobbiamo controlliamo quante persone possono venire”.

Di fronte a questa “spada a doppio taglio”, la regolamentazione del governo continua a fare molta strada. Prima di tutto, le Galapagos hanno limitato il numero di imbarcazioni che possono attraccare e chi può acquistare proprietà sulle isole. Secondo, hanno anche reso alcune isole accessibili ai turisti su base rotante, come misura per arginarne l’erosione. Come dice il direttore esecutivo del Center for Responsible Travel, Martha Honey, “Questo tipo di cose sono la ragione per cui le Galapagos sono ancora con noi adesso”.

Uluru

Uluru

Yulara, Australia

Tra i casi più immediati del fenomeno dell’ultima possibilità c’è anche il più singolare. Per anni Uluru, una massiccia roccia nel Red Centre in Australia, ha praticamente invitato gli escursionisti a scalarla. Poi questo si è trasformato in un problema perché scalare questa roccia è considerato irrispettoso nei confronti della tradizione del popolo Anangu (per il quale è un sito sacro) e anche fisicamente distruttivo.

Dopo anni di discussioni, un voto del 2017 da parte del consiglio di amministrazione del parco ha finalmente vietato l’arrampicata. Una decisione finale, anche se controversa, ma che sfortunatamente non avrà effetto fino al 26 ottobre. Con l’avvicinarsi della scadenza, sono quindi emerse notizie di code fitte di scalatori insolitamente dirette al vertice, con il New York Times che descriveva un impeto di visitatori che provocano nuovi disturbi come campeggio illegale e aumento della spazzatura.

In questo caso, sembra che non ci sia altro da fare che attendere l’entrata in vigore del divieto. Ci sono molte altre attività in quella zona oltre ad un’escursione irrispettosa e un perfetto esempio dell’attrazione dell’ultima possibilità per i viaggiatori, una visione concreta e vivida del fenomeno nel peggiore dei suoi casi.

Rwanda and Uganda

I Gorilla di Montagna Africani

Ruanda e Uganda

Due parchi nazionali, in Ruanda e Uganda, offrono quella che è veramente l’ultima possibilità di vedere il gorilla di montagna, una specie estremamente in pericolo in natura. Ovviamente questa possibilità arriva per volere della guida che conduce i turisti verso questo gruppo di scimmie che hanno i loro movimenti monitorati tutto il giorno.

Oggi sono rimasti solo circa 900 gorilla di montagna. Forse non si dovrebbe cercarli nell’ultimo dei loro territori, guidati da un esperto con tanto di fucile, per una foto. Allo stesso tempo, l’industria turistica qui è stata elogiata per il finanziamento della protezione dei gorilla, nonché per le scuole e le infrastrutture per le comunità locali. Ancora una volta, la regolamentazione è importante. Il Ruanda ha recentemente raddoppiato il costo dei permessi di localizzazione, già soggetti a massimi molto rigidi, al fine di finanziare gli sforzi di conservazione.

La buona notizia è che oggi il WWF riferisce che la popolazione di gorilla di montagna sta lentamente ripopolandosi.

The Great Barrier Reef

La Grande Barriera Corallina

Queensland, Australia

Quando l’oceano diventa troppo caldo intorno a una barriera corallina, le alghe che danno al corallo il suo colore unico e degno di boccaglio vengono espulse e il corallo diventa bianco. Nelle giuste condizioni, per fortuna il colore può tornare, altrimenti muore. Nel 2016 e nel 2017, due “eventi di sbiancamento di massa” hanno scosso la Grande Barriera Corallina, la più grande del mondo, uccidendone un terzo solo nel primo anno.

Oggi quegli eventi drammatici influenzano il turismo quanto la bellezza rimasta. Secondo uno studio, il 70 percento dei visitatori della barriera corallina è venuto a vederla “prima che sparisca”. Alcuni vi diranno che queste paure sono in gran parte infondate, che la barriera corallina ha le dimensioni dell’Italia e non è in pericolo di scomparire completamente tanto presto.

Tuttavia, la Grande barriera corallina si trova davanti allo stesso paradosso di Churchill e delle Galapagos, pur condividendo anche la stessa speranza per l’industria della conservazione in Ruanda. Più turismo significa più inquinamento, e più carbonio rilasciato nell’atmosfera per vedere un punto di riferimento minacciato proprio dall’aumento delle emissioni di carbonio. Allo stesso tempo, la barriera corallina si trova di fronte a un disperato bisogno di consapevolezza della sua situazione difficile e di soldi per la sua conservazione, che potrebbero venire anche dal turismo.

La discussione sulla Grande Barriera Corallina illumina un altro problema  del turismo dell’ultima opportunità. Come spiega l’Australian Marine Conservation Society, “non vogliamo che la mentalità dell’ultima opportunità si trasformi in un’aspettativa generale. Non vogliamo un senso di fatalismo”.

Se i visitatori si aspettano che questi posti muoiano presto, come possono combattere per la loro sopravvivenza?