Sundance

Robert Redford Resort è molto di più

Sundance Resort

Per oltre 50 anni, il Sundance Resort di Robert Redford nello Utah è stato un importante incubatore di successi nel cinema, nella cultura e nella conservazione. Anche l’alloggio e lo sci sono piuttosto belli.

Roger Ebert ha definito Downhill Racer, il film di Robert Redford del 1969 sulle gare di sci alpino, “il miglior film mai realizzato sullo sport, senza che si tratti affatto di sport”. Una descrizione simile potrebbe essere applicata al Sundance Resort di Redford nello Utah. È una stazione sciistica che riguarda almeno tanto l’arte, la comunità e l’ambiente quanto lo sci. E non è una coincidenza. Faceva tutto parte del piano dell’attore quando ha fondato il resort più di 50 anni fa.

Oggi, le persone hanno più familiarità con l’altro Sundance, Utah di Robert Redford, il festival cinematografico di grande successo che si tiene nella vicina Park City. Ma poiché molte storie sono state messe in moto dal Sundance cinematografico, vale la pena raccontare anche la storia del comprensorio sciistico. Quando Redford si è imbattuto nella stazione sciistica di Timp Haven a conduzione familiare negli anni ’50, è stato per puro caso. A quei tempi era uno studente universitario in sella alla sua motocicletta all’Università del Colorado. Ma la zona fuori Provo lo aveva subito affascinato. Per lui, la montagna di 12.000 piedi ricordava le Alpi svizzere e il suo vasto paesaggio offriva un numero incredibile di opportunità.

Meno di un decennio dopo, Redford era una star del cinema. Non dovevi essere una star di Hollywood per capire che lo sviluppo incontrollato in Colorado e Utah avrebbe minacciato la bellezza naturale della regione, ma dovevi avere dei contatti per fare ciò che Redford fece successivamente. Nel 1968, l’attore radunò gli investitori e acquistò 7.000 acri del suo posto preferito, lo chiamò come la sua successiva figura iconica, e decise di proteggere l’ambiente e sperimentare artisticamente.

Sundance Resort
Prenota Sundance Resort su Tablet Hotels.

Nei decenni che seguirono, Redford creò qui il suo santuario, un connubio di arte e natura, al riparo dai megaprogetti che si ergono come montagne artificiali sulle Montagne Rocciose. Nel 1981 ha invitato dieci aspiranti cineasti a riunirsi nel suo paradiso di montagna e sviluppare i loro progetti indipendenti. Presto costruì centinaia di case private e in affitto per finanziare questo motore artistico. Il resto è storia del cinema.

Negli ultimi anni, Redford ha cercato di vendere il resort nella speranza di trovare gestori disposti a continuare e, soprattutto, a valorizzare la sua eredità di lunga data. La proprietà è cambiata nel 2020, ma il Sundance Resort ha mantenuto inconfondibilmente l’etica di Redford. Il suo motto è sempre stato: “Sviluppa poco e conserva molto”. Per questo motivo, gli edifici continuano a fondersi con il paesaggio e non supereranno mai la linea degli alberi. I 500 ettari sono protetti dalla natura e non saranno mai edificati.

“Sundance è diverso da Park Cities, Altas e Snowbirds”, ha detto un rappresentante dell’hotel in un’intervista a Tablet, confermando la visione di Redford. “Qui è molto più accogliente e intimo, e molti ospiti preferiscono l’esperienza mentre sono in montagna. È più simile a un’accogliente area sciistica dietro l’angolo e per molti è questo aspetto che crea l’esperienza sciistica perfetta.”

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort
Prenota Sundance Resort su Tablet Hotels.

Per Redford, l’esperienza del Sundance Resort è stata un cenno alle pittoresche località sciistiche della costa orientale come Sugarbush, nel Vermont, a metà degli anni ’60. Come ha scritto Ski Mag in un profilo rivelatore di Redford, allora Sugarbush era “piccolo ed elegante”. In questi giorni, piccolo ed elegante sono due parole che non si leggono spesso quando si descrivono luoghi come Park City o Vail. Lì, grandi folle si riuniscono presso enormi linee di risalita e chioschi di taco in mezzo alle montagne. Ma qui, nonostante alcuni recenti lavori di ristrutturazione sotto forma di nuovi impianti di risalita e dettagli costruttivi, il resort è ancora orgoglioso del suo “ottimo terreno e brevi linee di risalita”.

Questo non vuol dire comunque che non esista un senso di lusso qui. Gli otto punti ristoro offrono di tutto, da una gastronomia alla cucina fusion franco-americana contemporanea: quest’ultima si trova nella Tree Room, decorata con opere d’arte dei nativi americani della collezione personale di Redford, con tavoli circondati da bambole kachina e ceramiche dei nativi americani, e un vero albero che penetra all’interno. Le camere sono arredate in modo simile alle baite autoportanti, collegate da sentieri escursionistici. Sembra più un piccolo villaggio che un tipico resort, ma i servizi – vasche idromassaggio e caminetti, lenzuola lussuose e griglie per barbecue – competono con qualsiasi resort di montagna.

Le camere sono disponibili in cinque categorie, che vanno dallo standard – letto, bagno, area salotto – ai più grandi loft di montagna con cucine complete, ampie camere da letto e salotti. Le Mountain Homes, invece, hanno i loro nomi come Hawk’s Nest, Dream Catcher e Owl Spirit, che potrebbero anche indicare piste da sci. Possono ospitare fino a quindici ospiti e dispongono di dettagli come tavoli da ping-pong e tavoli da biliardo. C’è una sorta di rifugio sciistico chic in tutte le sistemazioni, con i pannelli di legno e corna e teschi di animali appesi alle pareti. Per un’atmosfera occidentale più autentica, vai all’Owl Bar, un bar restaurato del 1890 trasferito qui dal Wyoming. Si dice che questo bar sia stato commissionato personalmente da Butch Cassidy.

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort

Sundance Resort
Prenota Sundance Resort su Tablet Hotels.

Nonostante il festival del cinema sia sempre stato destinato a Park City, il Sundance Resort ospita ancora proiezioni di film e dà il via all’evento internazionale con un brunch del regista in loco. Dopotutto, l’etica artistica del resort fa parte del suo DNA tanto quanto le seggiovie. La Sundance Art Gallery del resort ospita artisti, le loro opere e organizza mostre e workshop. L’Art Studio offre corsi di pittura e incisione, gioielleria, ceramica e persino produzione di sapone, mentre il Glassblower Studio invita gli ospiti a guardare gli artisti trasformare il vetro di scarto in opere d’arte. Il resort ospita una serie di autori (ad esempio, un discorso del massimo esperto di lupi selvatici, Rick McIntyre, sulla storia della loro reintroduzione a Yellowstone) ed eventi della comunità, come la Harvest Fair, in collaborazione con un’università locale.

“Ero determinato a preservare quest’area, ma l’impresa non è stata realizzata con “grande denaro”, ha detto Redford a Ski Magazine. “Quel tipo di sviluppo è stato il motivo per cui ho lasciato Los Angeles. Così ho comprato il terreno e ho fondato il Sundance Institute prima che ci fosse qualcosa qui. Mi è stato detto che sono pazzo. Ma volevo il perfetto connubio tra arte e natura”. Con il Sundance Resort, è possibile che ci sia riuscito.

Prenota Sundance Resort su Tablet Hotels.

Sundance Resort

No Comments Yet

Have a comment?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.