L’Impensabile

L'Esperienza di Un Hotel a Parigi

Con il settore alberghiero colpito fortemente dalla crisi sanitaria mondiale, gli hotel hanno dovuto cambiare drasticamente le loro normali operazioni per adattarsi alla situazione. Molti hanno ora riaperto le loro porte con nuovi protocolli in atto, mentre altri hanno dovuto trasformare la loro attività in qualcos’altro. Il C.O.Q. Hotel a Parigi ha accolto gli operatori sanitari che assistono un ospedale della zona.

Mentre ci invita all’interno dell’hotel alla fine di agosto, il direttore del C.O.Q. Hotel si scusa del disordine. “Un hotel chiuso è un po’ triste”, sospira Florian Bitker. Entrando vediamo alcuni tavoli messi da parte, pacchi e scatole di cartone qua e là nell’atrio. Il silenzio rispecchia una strana quiete che non sembra naturale: in qualsiasi altro momento l’atmosfera sarebbe vivace. Eppure è ancora riconoscibile come l’elegante boutique hotel che è sempre stato. Non si direbbe che solo pochi mesi fa è stato usato come un bunker improvvisato in prima linea nella battaglia contro la pandemia.

Il 16 marzo 2020, di fronte all’ondata di casi di COVID-19 che ha travolto il paese, la Francia ha annunciato delle misure di lockdown, con una quarantena generale tra le più pesanti d’Europa. Il C.O.Q. Parigi ha chiuso i battenti per gli ospiti lo stesso giorno, ma per Bitker andarsene non è stato così facile.

“Ci è voluta una buona settimana per la chiusura completa”, spiega. “Un hotel non dovrebbe mai essere chiuso.” Secondo lui un hotel come C.O.Q. è stato pensato per rimanere sempre aperto, per accogliere gli ospiti ad ogni ora, giorno e notte, durante la settimana, i fine settimana e le vacanze. Non c’erano precedenti per questo processo e per la sua logistica. “Persino per come interrompere l’acqua o l’elettricità”, spiega Bitker. “Non abbiamo nemmeno una porta d’ingresso sicura.”

È stato il primo di mille ostacoli di una situazione senza precedenti. Il passo seguente sarebbe stato ancora più impegnativo.

C.O.Q.
I vicini hanno donato pasti per gli ospiti e lo staff.

27 Marzo: La Preparazione

Il C.O.Q. non sarebbe rimasto chiuso per troppo tempo. Situato nel 13esimo arrondissement di Parigi, l’hotel si trova in una stradina appena fuori da una via principale. Si chiama Boulevard de l’Hôpital visto che a dieci minuti da C.O.Q. si trova il più grande ospedale d’Europa, il Pitié-Salpêtrière. A poca distanza c’è anche un altro ospedale, una clinica privata più piccola.

Il paese era in quarantena da poco più di dieci giorni quando, la sera del 27 marzo, Florian Bitker ricevette una telefonata proprio dalla clinica. “Avevano appena aperto cinque unità di terapia intensiva in quattro giorni e stavano aspettando l’arrivo di una ventina di assistenti volontari da Le Havre [una città nella regione francese della Normandia], ma non sapevano dove ospitarli”.

Il direttore dell’hotel chiama rapidamente il suo capo. Il titolare del C.O.Q. non esita. Il C.O.Q. riaprirà. Ma accogliere i turisti e ospitare gli operatori sanitari che combattono un virus altamente contagioso sono due cose molto diverse.

“Non potevo richiamare il personale dell’hotel e rischiare di metterlo in pericolo”, spiega Bitker, “Potevamo quindi lavorare solo con volontari”. Optando per un piccolo staff con la maggior esperienza possibile, Bitker torna nell’hotel insieme a due gestori. Per i rinforzi, portano i loro coniugi.

C.O.Q.
Sinistra: Messaggi d’incoraggiamento di bambini. Destra: Florian Bitker, il direttore del C.O.Q Hôtel.

Rimasti in sei, si trovano a sviluppare protocolli sanitari prima dell’arrivo degli operatori sanitari. “Non avevamo idea di come procedere. Gli operatori sanitari sanno come proteggersi, come lavarsi le mani, conoscono i protocolli. Questo è il loro lavoro. Non è nostro “, dice l’albergatore. “Dovevamo procurarci disinfettante per le mani e maschere in un momento in cui non ce n’erano disponibili. E dovevamo trovare il modo per evitare che i lavoratori dell’hotel e gli operatori sanitari si incrociassero”.

Grazie ai consigli di parenti che lavorano nel settore sanitario, Bitker imposta i suoi protocolli sanitari al meglio possibile. L’hotel viene ristrutturato con regole molto precise. Gli ospiti e il team dell’hotel useranno ingressi separati. All’interno delle aree comuni sono definite delle vie di passaggio. Quattro piani sono riservati esclusivamente al personale sanitario, mentre il piano terra sarà occupato dai dirigenti e dai loro coniugi. Nel frattempo, gli operatori sanitari disinfetteranno i propri spazi e il bucato andrà in grandi sacchi della spazzatura ermetici. Bitker si mette in contatto con il servizio di lavanderia che normalmente lavora con l’hotel e loro accettano di unirsi alla battaglia.

C.O.Q.
Lettere di ringraziamento lasciate all’hotel dagli ospiti

29 Marzo: La Riapertura

Domenica 29 marzo 2020 gli operatori sanitari arrivano all’hotel. Sono un gruppo di una ventina di giovani donne e un uomo, tutti di età compresa tra i 20 e i 30 anni. “Persone adorabili, molto simpatiche. Non avevano idea di cosa aspettarsi “, ricorda Bitker. Il giorno dopo, l’albergatore si rende conto che serviva qualcosa di più di un semplice alloggio. “Quando sono tornati a casa verso le 21:00. non avevano niente da mangiare, i ristoranti erano chiusi e l’orario del supermercato era limitato a causa della chiusura”.

Quindi prende il telefono e chiama tutti i suoi fornitori. Dal cibo ai prodotti per il bagno, tutti coloro che possono farlo – a qualsiasi titolo – vogliono aiutare.

“Il giorno successivo, sono arrivati camion pieni di caffè, pasticcini e saponi.”

Dalla sua casa di Versailles, anche il proprietario dell’hotel è rimasto attivo. “Ogni lunedì, andava dai vicini, che gli davano insalate, pasta, gratin e vari piatti da mandare agli operatori”. Anche i bambini hanno partecipato, facendo dei disegni per decorare le pareti dell’hotel e sollevare lo spirito di chi vi lavora e chi vi dorme.

“La gente voleva davvero aiutare”, dice Bitker, parlando anche il supporto del quartiere intorno all’hotel. Sorride. “Dopo aver visto una delle nostre foto su Instagram, un vicino ha organizzato una raccolta di cibo. Abbiamo avuto così tanto cibo che abbiamo dovuto riattaccare tutti i frigoriferi. ”

Lo sforzo collettivo non si ferma qui. Anche i conducenti di Uber entrano in azione. Venuti a conoscere la situazione mentre accompagnano il direttore a casa, spargono la voce e molti offrono i loro servizi. “Ogni mattina c’erano macchine pronte davanti all’hotel in attesa degli operatori sanitari per portarli in ospedale”.

C.O.Q.
Il menu e i pasti, tutte donazioni.

La Vita Continua

Per motivi sanitari gli operatori sanitari non potevano avere accesso alla cucina. La preparazione del cibo è stata quindi affidata ai gestori dell’hotel e ai loro coniugi che, dormendo qui a turno, hanno preparato la colazione come avrebbero fatto per i clienti normali. Per il resto dei pasti crearono un sistema di servizio in camera: il menù giornaliero cambiava in base di quello che era stato donato, lo condividevano su un gruppo WhatsApp e poi gli ospiti potevano chiamare la reception con i loro ordini.

Per non contagiare i propri cari, la maggior parte degli operatori sanitari decise di non tornare a Le Havre nei giorni liberi, rimanendo a Parigi per tutta la durata della loro missione. Gli albergatori sono le uniche persone che vedono fuori dall’ospedale. “Tornavano all’hotel stanchissimi”, ricorda Bitker, “avevano bisogno di parlare, di sfogarsi. Si sedevano all’ingresso della hall – ci tenevamo a distanza, indossavamo tutti una maschera – e ci raccontavano la loro giornata. A Parigi è stato un disastro. Le persone morivano tra le loro braccia tutto il giorno e la maggior parte non aveva mai visto la morte prima. Non era il loro lavoro. Alcuni avevano lavorato in ortopedia prima di questo momento “.

Tra tante tragedie, condividono anche le buone notizie, i recuperi. “Abbiamo passato dei bei momenti”, sorride Bitker. “Eravamo molto uniti. Invece della solita atmosfera di un hotel a quattro stelle, ci siamo sentiti come a casa “.

Sei settimane dopo, il numero di infezioni è diminuito drasticamente, gli ospedali si stanno gradualmente svuotando, le unità di terapia intensiva stanno chiudendo e gli operatori sanitari possono tornare a casa.

Il C.O.Q. Hotel spegne di nuovo le luci.

C.O.Q.
L’ultima offerta di C.O.Q.’s una camera in un Volkswagen RV — con destinazione a sorpresa.

Il C.O.Q. Oggi

Il C.O.Q. Hotel riaprirà presto le sue porte regolarmente. Nel frattempo ha trovato almeno una parziale soluzione alla situazione. Prima della pandemia Bitker aveva avuto un’idea non convenzionale, che si è concretizzata poco prima che arrivasse il caos: un camper come hotel di lusso. Sicuramente ora fa comodo. Una camera di lusso in un camper Volkswagen, con due camere disponibili per una notte, e con un’escursione inclusa nella tariffa. Gli ospiti partono da Parigi e una persona dello staff dell’hotel li accompagna. Dove andranno è una sorpresa. Potrebbe essere un vigneto, un campo da golf o un sito storico. All’arrivo, il personale dell’hotel riparte con un’altra macchina e lascia tutto agli ospiti, inclusa una cucina fornita di champagne e una cena pronta.

 
Scritto da Manon Lemoine Tomzig, giornalista e editor francese per Tablet Hotels.

COQ

 

C.O.Q. Hotel

Tablet è la tua fonte per scoprire e provare gli hotel più interessanti del mondo, dove troverai un’esperienza indimenticabile e non solo una camera per la notte.

Quando potrete viaggiare di nuovo, considerate un soggiorno al C.O.Q. Hotel, nel tredicesimo Arrondissement (Gare D’Austerlitz).