Pensiero Stupendo

Un magnate della tecnologia sceglie una fattoria per il suo hotel

La storia dell’Indrani Lodge in Belgio è la storia di un magnate della tecnologia originale. Philippe Brawerman ha sempre fatto le cose a modo suo, una qualità che lo ha portato dall’essere il “pazzo” presidente di Cisco Systems all’orgoglioso proprietario di una fattoria biologica e un hotel incentrato sullo yoga.

La storia di Indrani Lodge inizia trent’anni fa, quando il belga Philippe Brawerman diventa il capo di Cisco – un enorme conglomerato tecnologico multinazionale – in Europa, Medio Oriente e Asia. L’azienda è in crescita, così come le sue responsabilità. “Ho vissuto ad un ritmo spaventoso”, ricorda. L’azienda “stava lavorando bene, ma eravamo sotto la pressione costante di raddoppiare i nostri profitti. Ero estremamente stressato. ” Sempre in volo, viveva in tre continenti ma senza il vantaggio di un pied-à-terre adatto al suo stile di vita. Fino a quando un giorno Brawerman si imbatté in una vecchia fattoria medievale, nascosta nella campagna appena fuori Bruxelles.

Acquistato rapidamente senza pensarci troppo, il posto così com’era non era affatto lussuoso. Era rustico e inscindibile dal suo ambiente naturale. Dal momento in cui l’ha trovato, questo è diventato il rifugio di Brawerman, anche se all’inizio solo per brevi soste tra i voli. Ha piantato il suo orto, tutto biologico, trasformando finalmente in forma tangibile i principi ambientali che aveva deciso di abbracciare. “Volevo creare una fattoria completamente naturale, senza prodotti chimici. Ma all’epoca nessuno parlava di biologico “, ricorda Brawerman, che si rifiutava di andare a pranzi di lavoro nei ristoranti, non importa quanto apprezzati, dove si sarebbe ritrovato a mangiare” verdure piene di pesticidi “.

“A Cisco ero percepito come un pazzo”, dice. “Ero totalmente in dissonanza con l’ambiente in cui mi trovavo.” Insomma, Brawerman è il tipo di pazzo che ti fa chiedere perché qualcuno vorrebbe essere sano di mente.

Indrani Lodge

Indrani Lodge

Indrani Lodge

Indrani Lodge
Gli interni di Indrani Lodge, una fattoria medievale ristrutturata.

Gli anni ’90 furono frenetici per Brawerman come per chiunque altro al mondo. Poco dopo, l’uomo che la rivista TIME definì uno dei leader tecnologici più influenti in Europa decise che aveva bisogno di un po’ di tempo lontano da quel mondo. “Questo posto mi ha spinto a fare le scelte che ho fatto”, spiega, riferendosi alla proprietà che sarebbe diventata Indrani Lodge. “Non riuscivo a vedermi a lavorare 17 ore al giorno per 20 anni, soprattutto se significava costruire qualcosa di inutile.”

“Invece di diventare miliardario, ho scelto di diventare umano.”

Liberatosi per la prima volta dopo tanti anni di impegni, si mise quindi a ristrutturare la sua amata proprietà, un monumento storico di campagna con fondamenta medievali che risalgono al IX secolo e, in alcuni punti una struttura del XV ancora visibile. Oltre alle necessità che derivano dal lavoro su un edificio storico – lentezza e costanza, sempre rispettando i permessi – il rispetto per l’ambiente era il vincolo guida per Brawerman. Per il riscaldamento ha optato per l’energia geotermica e i pannelli solari. E per qualsiasi ristrutturazione degli edifici stessi voleva i materiali più grezzi possibili, non più elaborati del legno naturale e della pietra.

Indrani Lodge

Indrani Lodge

Indrani Lodge

Indrani Lodge
Sopra: la Woodroom, la Library e la House, prenotabili assieme per i gruppi.

Non è stata solo la sua adozione precoce al movimento del cibo biologico a distinguerlo a Cisco. Brawerman era rimasto affascinato dallo yoga; si era innamorato della sua capacità di aiutare la concentrazione in tutti gli aspetti della vita. Non si limitava a praticare lo yoga, ma lo utilizzava in ogni contesto, anche al lavoro. “Quando il consiglio si è riunito per tre giorni per ridefinire la struttura gestionale dell’azienda, ho iniziato facendo camminare in silenzio le persone per un’ora e mezza. Nessuno lo faceva a quei tempi”, dice con un sorriso. “Pensavano che fossi pazzo.”

Quando ha finalmente lasciato il suo lavoro, Brawerman ha diviso il suo pensionamento anticipato tra il Belgio, l’India e soprattutto il Sud Africa. È lì che ha incontrato sua moglie, Jessica, una collega appassionata di yoga. Quindi, quando è nata l’idea di aprire ai viaggiatori la fattoria che sarebbe diventata Indrani Lodge, allestire un centro yoga sul terreno è stata una scelta ovvia. Oggi, oltre a cinque stanze contemporanee (e una casa) incastonate tra mura medievali millenarie, la fattoria accoglie yogi e appassionati da tutto il mondo. E se capita di trovarsi in zona gli albergatori – che sono anche istruttori certificati – insegnano loro stessi le classi.

I giardini sono sempre aperti all’area circostante. “L’idea, sin dall’inizio, era di portare lo yoga alla comunità locale e di adeguare i prezzi per rendere la pratica accessibile”, aggiunge Brawerman.

Indrani Lodge

Indrani Lodge
Sopra: Yoga in corso. Sotto: lo Chef Sebath Capela aderisce ai principi del km zero nel ristorante.

Per quanto la fattoria sia stata una rivelazione spirituale per Brawerman, è stata anche una rivelazione culinaria. “L’idea di Indrani era di creare un’esperienza”, spiega l’albergatore. “Quando le persone viaggiano, non vogliono soggiornare in un hotel qualunque, cercano qualcosa che abbia a che fare con un’esperienza. Ed è esattamente ciò che amiamo di Tablet “, spiega, con un po’ di adulazione. “La selezione, le prospettive e le storie che raccontate.”

“Anche il nostro ristorante racconta una storia”, spiega. “Quello che hai nel piatto è stato prodotto dalla fattoria.” Quello che era iniziato come un ristorante pop-up diventerà presto un appuntamento fisso. Come la migliore cucina a km zero, i piatti sono crudi, semplici e raffinati. Gli albergatori si sono rivolti allo chef Sebath Capela, che era stato il braccio destro alla guida di Bon Bon, un ristorante due stelle Michelin a Bruxelles. Ora lavora a stretto contatto con un ex botanico che gestisce l’orto e semina – in mezzo agli alpaca vaganti – frutta, verdura, fiori ed erbe selvatiche per creare succhi e infusi fatti in casa. Tutto ciò che non possono coltivare proviene da produttori locali.

Indrani Lodge
Alpaca e altri animali nel terreno circostante.

Anche in questo i proprietari sperano di riuscire ad includere la comunità nella loro produzione. “Per noi è molto importante che [il ristorante] sia accessibile alla gente del posto”, insistono. “Che ci siano tavoli disponibili a prezzi ragionevoli. Non vogliamo trasformarci in una villa di lusso in campagna “. Non che un assaggio di lusso sia difficile da trovare: gli esterni della fattoria medievale di Indrani nascondono interni ultramoderni e finiture di alto livello. Le camere combinano l’architettura d’epoca con il design contemporaneo e l’arte contemporanea, dando vita a alloggi dall’eleganza senza tempo.

Ma la storia di Indrani non finisce qui. Mai accontentarsi dello status quo, Brawerman ha recentemente aggiunto la fattoria vicina alla proprietà, un altro spazio protetto. Attualmente in costruzione, ospiterà altre sette camere da letto e sette case che metterà in vendita. Perché? Brawerman ha visto cosa può fare questo posto alla vita. Sta scommettendo che gli altri vorranno lo stesso. Evviva i pazzi.

Scritto da Manon Tomzig, scrittore e editor francese di Tablet Hotels.

Four Columns

 

Indrani Lodge

Tablet è la tua fonte per scoprire e prenotare gli hotel più straordinari del mondo: luoghi in cui troverai un’esperienza indimenticabile, non solo una stanza per la notte.

Se stai pensando di fare un viaggio in Belgio, prendi in considerazione un soggiorno all’Indrani Lodge, nel villaggio di Loupoigne.