Toccando Ferro

12 Piani per il Futuro

Vi abbiamo chiesto di dirci quale hotel avete sognato di visitare una volta che si riapriranno i confini del mondo. Queste sono le risposte che ci sono piaciute di più.

Ogni anno qualcuno si prepara per un viaggio che ha atteso per decenni, forse anche tutta la vita. Qualcuno sogna di visitare una città resa ancora più romantica dai film e dalle canzoni, o di fare un viaggio avventuroso verso luoghi vicini e lontani. Quest’anno è stato diverso. Per tutti, indifferentemente. La maggior parte dei viaggiatori ha dovuto adattarsi alla situazione, e rimandare, sperando di non dover aspettare troppo.

Per questo motivo abbiamo fatto un sondaggio tra i nostri clienti chiedendo loro quale hotel di Tablet hanno sognato di visitare, almeno una volta nella vita, magari non appena potremo viaggiare di nuovo sicuri. Abbiamo poi scelto le dodici che ci sono piaciute di più. Dovevamo scegliere solo dieci ma, onestamente, non riuscivamo ad eliminarne altre due.

Grazie a tutti quelli che hanno partecipato. Speriamo che tutti voi possiate visitare presto l’hotel dei vostri sogni.

Hotel Escondido Oaxaca

Oaxaca City, Messico

Hotel Escondido Oaxaca

Di Natalia Orihuela:

“Sono una studentessa universitaria con una borsa di studio per la pallavolo. Il mio college dovrebbe partecipare ad un torneo a Oaxaca a novembre, ma l’evento non è stato confermato perché in Messico è ancora in corso la pandemia. Cerco di rimanere positiva e penso che non sarà cancellato, che volerò li e starò all’Hotel Escondido Oaxaca, godendo notti riposanti e tranquille, con un delizioso cioccolato locale a colazione, pranzo e cena, facendo una visita occasionale a Criollo (ristorante di Enrique Olvera) e bevendo mezcal. Tutto questo, ovviamente dopo aver vinto il torneo di pallavolo.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Perle Oban Hotel

Oban, Scozia

Perle Oban Hotel

Di Elizabeth Rosensteel:

“Cosa c’è di più romantico di“The mist of May is in the gloamin’, and all the clouds are holdin’ still” (canzone). Lo sfondo primitivo degli altopiani con la sua solitudine incontaminata assieme con un hotel contemporaneo tranquillo perfettamente arredato. Chiudi gli occhi e forse vedrai Brigadoon sollevarsi dalla nebbia ….”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Benesse House

Kagawa, Giappone

Benesse House

Di Holly Crisson:

“Ho visitato Naoshima alcuni anni fa e sono rimasta incantata sia dall’isola che dal livello di cura verso quello che può essere considerato solo un luogo magico. Benesse House è l’unico hotel sull’isola associato al sito d’arte di Benesse a Naoshima ed è essenzialmente un’opera d’arte a sé stante. Sogno di tornarci, è IMPOSSIBILE riuscire a trovare una camera in questo posto.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

ROOST Rittenhouse

Philadelphia, Pennsylvania

ROOST Rittenhouse

Di David McCann:

“Come storico, il distinto nome di “Rittenhouse” – David Rittenhouse – porta una prospettiva interessante alla mia ricerca. E alla Roost Rittenhouse, con il suo ambiente intimo e tranquillo, ma in prossimità di tutto ciò che è l’America, parto e corro sulla scia della gioia della ricerca senza fine!”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Esiweni Luxury Safari Lodge

Ladysmith, Sud Africa

Esiweni Luxury Safari Lodge

Di Emily Hetzel:

“Mi piacerebbe molto visitare Esiweni Luxury Safari Lodge in Sudafrica. Dopo il liceo, i miei due grandi amici d’infanzia e io avevamo pianificato un safari di due settimane in Africa, dove avremmo celebrato l’inizio del nuovo capitolo della nostra vita prima di andare tutti in college diversi. Alla fine nel corso degli anni molte cose ci hanno impedito di fare questo viaggio: impegni, trasferimenti di lavoro, famiglie in crescita, ecc. Da allora abbiamo superato la fase dei soggiorni a basso costo negli ostelli, ma il Sudafrica rimane una destinazione da sogno.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

JK Place Capri

Capri, Italia

JK Place Capri

Di Nicole Popovich:

“Faccio parte di un gruppo di lettura a cui mi sono iscritta inizialmente per continuare a socializzare con altre donne che frequentavano un magnifico studio di fitness. Sono straordinarie, piene di talento, molto intelligenti e mi diverto tantissimo. Nel corso degli anni ci siamo incontrate durante alti e bassi, e sono onorata di poterle chiamare amiche. Ora, durante quarantena, la nostra chat di gruppo ha assunto un nuovo significato. Abbiamo discusso molto di più del nostro prossimo libro: musica, pensieri, storie divertenti sull’esperienza di stare chiusi in casa, e anche vacanze immaginarie come mezzo di fuga.

Ho mandato [una storia su] Capri e questo ha iniziato uno scambio divertente sull’idea di fare un viaggio a Capri per il nostro club. Ho detto che JK dovrebbe essere il nostro punto di riferimento (è moderno, chic, perfetto), e quanto sarebbe incredibilmente bello sorseggiare del limoncello mentre discutiamo di un grande libro come “La mia amica geniale” a bordo della sua piscina. Beh, sono successe cose più incredibili, e stanno ancora accadendo, quindi perché non sperare nella salute e di fare un’avventura, vediamo se siamo fortunate!”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

The Oyster Inn

Waiheke Island, Nuova Zelanda

The Oyster Inn

Di Alex Milne:

“Vivo a Londra ora e la adoro, ma non sarà mai casa-casa. Sono un neozelandese molto patriottico. Credo che l’Oyster Inn (e l’isola di Waiheke in generale) riflettano la Nuova Zelanda moderna: naturalmente bella, tipica e tradizionale nella sua atmosfera, ma piena di operatori dell’ospitalità dinamici ed imprenditori che fanno cose fantastiche.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Anemi Hotel

Folegandros, Grecia

Anemi Hotel

Di Bon:

“Dopo aver visto Ozark, Tiger King, The Crown e House of Cards, ho finalmente trovato una serie TV che mi ha lasciato di buon umore, I Durrells a Corfu. Sognare la Grecia ora riempie i miei giorni e ogni sera anticipo il prossimo episodio. Essere in quarantena per alcuni mesi mi ha trasformato in una persona che vuole godersi la vita semplice all’Anemi Hotel di Folegandros. Con le sue linee pulite e la sua disposizione degli spazi, Anemi Hotel mi invita a bere nella sua tranquillità, a salvarmi dall’isolamento, senza immergermi nel trambusto.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Alma Histórica Boutique Hotel

Montevideo, Uruguay

Alma Histórica Boutique Hotel

Di Christopher Mullen:

“Sembra strano, e potrebbe essere un sintomo della situazione che abbiamo qui a New York City, ma nelle ultime settimane ho avuto tre sogni di quarantena completamente diversi in cui mi trovavo a Montevideo, una città che non ho mai visitato (sono stato solo vicino a Buenos Aires). In tutti e tre i sogni, io e mia moglie esploravamo, bevevamo, guidavamo (!) e in genere ci immergevamo in una città che non avevo mai visto di persona. Forse è la chiusura a parlare, ma quando è finita, devo visitare Montevideo prima di andare in qualunque altro posto, e stare nel bellissimo Alma Hotel.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Auberge du Soleil

Napa Valley, California

Auberge du Soleil

Di Sloan Boettcher:

“Ho sempre sognato una vacanza madre-figlia per eccellenza in questo magnifico hotel, perfetto per due enofili in cerca di un bicchiere di vino impeccabile. Avevo programmato un viaggio all’Auberge du Soleil molti anni fa come regalo di Natale per me e la mia migliore amica e mamma Kathy ma, a causa delle circostanze, non siamo mai riuscite a farlo. Visitare l’Auberge du Soleil nella Napa Valley colmerebbe finalmente la nostro voglia di avventurarci nel paese del vino insieme, come madre-figlia, compagne di viaggio e, naturalmente, migliori amiche.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Freehand New York

New York City

Freehand New York

Di Emilia Morano-Williams:

“L’hotel che vorrei visitare di più è il Freehand Hotel di New York. Vivo in fondo all’isolato ed è diventato uno dei miei luoghi preferiti, un posto dove porto gli ospiti in città per fare un brunch, prendo spesso un caffè mentre vado al lavoro o mi incontro con gli amici per un cocktail. Con vacanze a case sempre più probabili per il prossimo futuro, sto immaginando di trascorrere un weekend in una delle sue camere alla moda, delle dimensioni di una scatola da scarpe, e uscire solo per prendere un cocktail al tiki bar sul tetto o mangiare i ravioli perfetti di Simon & the Whale.”

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Sonop

Namib Desert, Namibia

Sonop

Di Forrest Reid:

“Quando ho visitato la Namibia nel 2013, Sonop non c’era. A giudicare dalle foto che ho visto, è all’altezza del paese vertiginosamente affascinante in cui è ambientato, abitato da africani accoglienti e gentili con nomi come Hans, Alphaeus, Reynhold e Phineas. E Jacobina, Hildegard, Juliette e Krescentia (tutti nomi di persone reali che abbiamo conosciuto mentre eravamo lì). Le donne Herero indossano abiti da ballo vittoriani con sottogonne multistrato, sormontate da copricapi di stoffa avvolti che ricordano le corna del bestiame. Lavorano a fianco dei Kunenes e degli Himbas, che spalmano una miscela di burro, terra rossa e ceneri sui loro corpi e li abbinano a pile di bracciali d’argento intorno al collo, ai polsi e alle caviglie. Con burro di capra nei capelli. Sonop ha molto da fare per essere degno del suo paese, ma scommetto che lo è!”

VISUALIZZA ALTRE FOTO