E tornare nelle grotte?

Gli Incredibili Hotel della Cappadocia

C’erano una volta le abitazioni rupestri della Cappadocia. Oggi queste antiche residenze sono state restaurate da albergatori che credono che il modo migliore per godersi la strana geologia della regione sia al loro interno.

Qui trovi gli hotel della Cappadocia su Tablet

Non potendolo fare letteralmente (da nessuna parte del mondo), viaggiamo con il pensiero a migliaia di anni fa, quando un’antica civiltà iniziò a costruire un’enorme rete di caverne in una regione della Turchia chiamata Cappadocia. Le città sotterranee che vi nacquero erano spazi tentacolari e ingegnosi che ospitavano intere società: bestiame, famiglie, industria e case di culto. Queste comunità hanno continuato a vivere in queste grotte per millenni, fino al 1952, quando il governo ha evacuato i suoi residenti a causa dei loro pericoli strutturali.

Le grotte rimasero quindi in gran parte abbandonate per circa cinquant’anni e, nel 2002, la Cappadocia ha sorpreso il mondo inaugurando il suo primo hotel di lusso. Era alla moda. Era elegante. Era all’interno di una grotta.

Oggi la regione è conosciuta tanto per i suoi hotel nelle grotte quanto per il suo spettacolare paesaggio. Del resto è stata proprio la sua geologia insolita che ha reso possibile l’abitazione delle grotte in primo luogo. La morbidezza della roccia vulcanica della regione, infatti, le ha permesso di adattarsi e, nel corso dei secoli, svilupparsi in forme fantastiche che in questi ultimi anni hanno attratto moltissimi visitatori e sono state ribattezzate “camini delle fate”. La stessa malleabilità ha permesso di scolpire i sobborghi sotterranei che, secoli dopo, sono diventati la sede di alcuni dei boutique hotel più straordinari del mondo.

Che dire di quei pericoli strutturali?

Come si costruisce una moderna camera d’albergo in una grotta? Come lo rendi sicuro, comodo e attraente? Sappiate che gli hotel in queste grotte non sono solo storicamente affascinanti, ma anche adattati accuratamente all’era moderna. E davvero pittoreschi. Devono esserlo, dato che le parole da sole difficilmente riuscirebbero a convincere così tante persone a provare uno stile architettonico più associato all’era neanderthal che alla vacanze.

 

Museum
Museum Hotel

Trovare il diamante grezzo

In questo momento Tablet offre almeno nove hotel nelle caverne della  Cappadocia e, nonostante le apparenti limitazioni delle strutture, non esiste una grotta standard. Il Museum Hotel sfoggia una collezione di oggetti antichi, Hezen opta per un design eclettico e contemporaneo, e Argos offre spazi pubblici non da poco come una sala da concerto in pietra, ricavata da quella che 2000 anni fa una era una cappella.

Qui potete scegliere, quasi quanto in qualsiasi città. Per quanto diversi siano nello stile, non è però facile trasformare una grotta fatiscente in un prodotto degno di un boutique di lusso.

“L’intera area è un sito protetto”, spiega Tolga Akarcali, un partner di gestione del Taskonaklar Hotel, che garantisce una certa chiarezza nel processo. Dopo che un albergatore chiede l’autorizzazione a rinnovare un luogo, un consiglio del governo offre diverse raccomandazioni per il ripristino del sito, basate principalmente su quello che si ritiene fosse il suo aspetto in passato. Gli intagliatori esperti, gli architetti e gli ingegneri si consultano quindi sull’integrità strutturale dei lavori di ristrutturazione e, una volta completati, il consiglio potrebbe arrivare sul posto per controllare i lavori.

Se necessario, potrebbero quindi indirizzare ulteriori modifiche. Anche qualcosa come l’ampliamento di una porta o di una finestra è soggetto all’approvazione del governo.

È un processo arduo. Prendi il Taskonaklar Hotel. Inaugurato nel 2006 con solo sei camere, ha lentamente portato il loro numero a 25, ma in circa quindici anni.

Comunque è proprio questa meticolosità che mantiene uniforme l’aspetto della Cappadocia, sia attraverso l’ampia fascia di abitazioni grotte contemporanee che grazie alla memoria storica infusa in tutte le nuove costruzioni. Confrontando questo approccio con alcuni degli edifici più disparati e privi di regolamentazioni in un luogo come Tulum, inizi ad apprezzare la cura presa qui per mantenere i cambiamenti ad un certo livello.

Taskonaklar

Taskonaklar
Una suite al Taskonaklar Hotel — Prima & Dopo

 

Taskonaklar
Un altro restauro

Taskonaklar

Taskonaklar
Gli esterni del Taskonaklar Hotel — Prima & Dopo

Una Storia Sotterranea

Prima di poter apprezzare interamente lo sforzo necessario per portare le grotte della Cappadocia nel 21esimo secolo, dovete anche capire che hanno fatto davvero molta strada.

Nate per sia per necessità che per convenienza, le grotte sono l’incarnazione in pietra della forma che segue la funzione. In un paesaggio torturato dalla sua posizione, nel mirino di ciascuno degli imperi di passaggio della regione – dagli Ittiti ai Romani agli Ottomani – già nel IV secolo erano un luogo in cui nascondersi. I primi cristiani, in fuga dai loro nemici, si aprirono la strada nella roccia per ripararsi dagli invasori, creando vaste reti di città sotterranee autosufficienti e sotterranee in cui rifugiarsi in tempi di pericolo. Derinkuyu è il più famoso dei siti archeologici, una rete incredibilmente vasta di ripari con spazio per 20.000 persone.

Anche fuori dalle massicce reti sotterranee ben conosciute, per migliaia di anni le grotte servivano a scopi quotidiani molto più banali. Nelle città della Cappadocia come Otrahisar, Nevsehir e Urgup, erano case e magazzini, fienili e chiese. Questa lunga tradizione è in gran parte stata abbandonata nel 1952, quando il governo ha definito che le loro condizioni strutturali erano pericolose e ha ritenuto  molte grotte inabitabili, evacuandone i residenti.

Anche se la nuova aveva lasciato le grotte stranamente vuote, era inevitabile che sarebbero tornate a prosperare. Per anni la Cappadocia aveva per lo più attirato giovani avventurosi e turisti interessati all’archeologia ma, alla fine degli anni ’90, il Museum Hotel di oggi aveva iniziato a restaure le rovine di un’area a Nevsehir, sulla strada per creare quello che chiama con orgoglio il primo hotel di lusso in Cappadocia.

Nel 2002, il Ministro del Turismo ha tagliato il suo nastro.

È iniziata una nuova era di hotel nelle grotte.

Hezen

Hezen
Hezen Cave Hotel

Restauro, Non Distruzione

Anche al di là degli ostacoli posti dalla necessaria approvazione del governo, questa nuova era richiedeva molta creatività. La conservazione delle antiche strutture era la prima priorità, ma la conservazione avrebbe dovuto avvenire contemporaneamente con gli ammodernamenti per i clienti più esigenti. Non era sempre facile. All’Hezen Cave Hotel, per esempio, alcune camere avevano il problema non invidiabile di raggiungere solo un metro e mezzo di altezza. A meno che non ci si aspettasse che i loro ospiti strisciassero per le loro stanze, qualcosa doveva cambiare ma alzare i soffitti avrebbe richiesto enormi cambiamenti.

“Volevamo mantenere la struttura e la bellezza della grotta originale”, spiega Hakan Guzelgoz di Hezen. Quindi, invece di scavare, hanno mantenuto il soffitto dove stava e hanno scavato il terreno fino a un metro sotto terra. Il processo di pulizia è stato altrettanto coscienzioso, rimuovendo le rocce in piccoli segmenti, poi pulite a mano e rielaborate quando necessario con le stesse tecniche utilizzate dai primi costruttori, il tutto per “mantenere tracce simili di martelli a mano” come l’originale.

Il rinnovamento diventa ancora più complicato se si considerano le comodità moderne richieste dagli ospiti dell’hotel, come l’Internet (per non parlare dell’elettricità e dell’impianto idraulico). Invece di far passare i cavi lungo l’interno del muro ed esporre una linea sulla pietra, Hezen Hotel ha invece optato per aprire piccole fessure nella roccia, alimentando cavi più lunghi verso l’interno e riducendo l’impatto sulla struttura al minimo necessario. I costruttori hanno poi raccolto la polvere di roccia e l’hanno usata per creare un impasto per sigillare le fessure che corrispondeva al colore della caverna.

Museum
Al Museum Hotel: un’antica finestra della chiesa, con le sue pietre che simboleggiano i pianeti.

Nonostante tutta la forza lavoro e quella cerebrale coinvolta nel lavoro iniziale, sono ancora delle grotte. Non sono mai veramente prodotti finiti. La manutenzione è fondamentale per preservarle e rafforzarle. Archi e colonne – infissi della tradizionale architettura cappadociana – a volte vengono aggiunti per rafforzare gli spazi in via di deterioramento all’inizio, ma questi habitat, come dice il Museum Hotel, sono “elementi vivi”.

In altre parole, continuano ad evolversi.

“A volte parti minori della caverna possono cadere sul letto o sul terreno”, spiegano i rappresentanti del Museum Hotel. “Devi affrontare queste situazioni tutto il tempo.” Nella bassa stagione invernale, alcuni hotel chiudono una serie di stanze per la manutenzione, rinforzando le parti morbide della grotta con una vernice speciale.

Cappadocia
Il panorama ultraterreno della Cappadocia — cortesia di Said Alamri su Unsplash.

Quelli sono i dadi e le viti, le mura e i pavimenti. Il bello di questi posti è che quelle cuciture non le vedrete mai. Grazie a tutto il lavoro che è stato fatto, sono davvero eleganti. Qualunque cosa sappiate del processo, vi sentirete comunque ancora immersi nella storia, dormendo in una grotta e vivendo la vita come facevano gli antichi.

Solo con wi-fi.

Cappadocia

Gli Hotel della Cappadocia

Tablet è la tua fonte per scoprire gli hotel più interessanti del mondo: luoghi in cui troverai un’esperienza memorabile, non solo una stanza per la notte.

Comincia a programmare un viaggio per vedere le incredibili grotte della Turchia, assicurati di dare un’occhiata alla nostra selezione selezionata dei migliori hotel di lusso e boutique in Cappadocia.