Un Salto Nel Buio

Come Fare Viaggi Importanti con i Bambini

A molti genitori viaggiare con i bambini fa un po’ paura. Soprattutto le avventure esotiche che erano frequenti prima della loro nascita possono sembrare impossibili. Heidi Mitchell, giornalista e madre di tre figli, spiega come riesce a farle funzionare. Il più delle volte.

Negli ultimi 16 anni come genitori ce ne sono stati almeno otto anni in cui sono andata praticamente solo in resort all-inclusive, crociere o con i nonni, se non per lavoro o per un fine settimana di coppia con il mio marito. Non che non sognassi ardentemente un viaggio nel Rajasthan, ma la difficoltà di portare tre bambini su multipli voli verso destinazioni con cibo esotico, impianti idraulici discutibili e un passato gloriosa che non avrebbero potuto apprezzare ha diminuito ogni desiderio. Quindi siamo andati in California, dove vive la mia famiglia; in Scozia, dove vive la famiglia di mio marito; e in Messico, dove ci sono voli diretti e gli hotel hanno campi per bambini e il cibo è familiare.

Sono stati dei bei viaggi, non fraintendetemi; ora sappiamo quale sia il momento migliore per visitare Chichen Itza, e qual è il nostro ristorante di hamburger preferito a San Francisco e dove evitare i turisti a Edimburgo. Ma in passato eravamo stati avventurieri, io e mio marito, e volevamo rivelare ai nostri figli quel lato di noi stessi, mostrando loro il mondo.

Per farlo ci vogliono piccoli passi.

Mosque and cave
Samarcanda in Uzbekistan (sinistra) and Wadi Rum in Giordania (destra)

La mia prima avventura esotica con la prole fu solo grazie ad un viaggio di lavoro in Cina. Mio figlio non aveva ancora sei anni. A Pechino abbiamo visto lo stadio a nido d’uccello e la Città Proibita. Abbiamo camminato sulla Grande Muraglia. Ad ovest nello Yunnan, abbiamo messo le candele in un fiume e abbiamo scattato innumerevoli selfie a Lijang con la gente del posto, molti dei quali non avevano mai visto un bambino biondo. Lo ammetto, quel viaggio mi ha incoraggiato, anche se mio figlio maggiore ricorda solo i bastoncini per i selfie.

Una volta tornati a casa ho iscritto i bambini ad una scuola che offre lezioni di mandarino e ho iniziato a prenderne anche io. Li ho poi portati in un viaggio complicato in Europa Centrale che richiedeva molti cambi di autobus e treni e che, a parte qualche momento, è stato un totale fallimento. Ho provato di nuovo la Cina, questa volta anche in città secondarie come Nanchino. Un disastro. Perdersi dove non ci sono indicazioni in lettere inglesi rovina una vacanza. Rafforzandomi, ho continuato a studiare le mappe dei voli e pensare ad un posto dove potevamo andare come famiglia che sarebbe stata interessante, illuminante e anche divertente.

Quelle prove senza successo riaccesero il mio spirito intrepido. Un paio di Natale più tardi, invece del solito viaggio nel Regno Unito, siamo partiti per Zanzibar, probabilmente perché i voli erano ragionevoli e ci attirava il bel tempo. Abbiamo fatto kayak in barche con fondo di vetro, visitato il luogo di nascita di Freddie Mercury e imparato a conoscere il commercio di schiavi. Abbiamo trascorso il  capodanno in Kenya in un safari. Mia figlia adorava le piccole giraffe e gli elefanti, ma odiava svegliarsi presto. “Voglio solo vedere i leoni, e poi salire sul prossimo aereo per tornare a New York!” esclamava in lacrime alle 5 del mattino ogni giorno. (Oggi nega di averlo mai detto) In due settimane, abbiamo imparato che un’attività mattutina (non troppo presto!), un pomeriggio di pigrizia (non troppo a lungo per non indurre alla noia) e un’avventura serale prima o dopo cena era la formula magica.

Rhino
Riserva Nazionale Maasai Mara in Kenya

Da lì abbiamo davvero alzato il livello, anche se abbiamo cercato di abbinare i viaggi a qualcosa che uno dei bambini stesse studiando a scuola. Una primavera abbiamo guidato per due settimane da Istanbul a Bodrum, fermandoci a Gallipoli (dopo aver visto il film di Mel Gibson del 1981) per vedere il luogo del massacro durante la prima guerra mondiale. La targa sulla statua di un soldato caduto, con le parole di Ataturk, il fondatore della nazione, dice: “Voi madri, che avete mandato i vostri figli in paesi lontani, asciugatevi le lacrime; i vostri figli ora giacciono nel nostro seno e sono in pace. Dopo aver perso la vita su questa terra, sono diventati anche i nostri figli. “ Ci siamo commossi tutti. Alla fine, questi viaggi cominciavano ad avere un impatto.

Man mano che i bambini crescono, lasciamo che ci aiutino a decidere la destinazione. L’Egitto era in cima alla lista, perché avevano studiato la Valle dei Re e li avevamo trascinati in abbastanza mostre dell’antico Egitto in vari musei. La crociera lungo il Nilo è stata una delle nostre vacanze più belle, e non solo perché mio figlio ha avuto modo di tenere in mano un Uzi (le guardie armate erano sempre presenti). Le nostre guide ci permettono di piegare completamente (o infrangere?) le regole e arrampicarci in tombe saccheggiate da tempo per eccellenti operazioni fotografiche e scattare foto dove non è permesso, come nella tomba sotterranea di Nefertiti. Ci avventurammo in Oman per visitare un amico che viveva lì e scoprire lo stile di vita in un paese arabo, coprendoci la pelle e contrattando anche per il pranzo. L’hanno adorato.

Camels
Giza, Egitto

Così abbiamo deciso di fare una pausa estiva in Uzbekistan, perché perché no? Come gruppo abbiamo appreso che ci sono piaciuti di più i paesi a maggioranza musulmana, con il loro ottimo cibo e le loro interessanti diverse tradizioni. Chi lo sapeva che Samarcanda era l’epicentro della Via della Seta, o che il famoso Ulugh Beg aveva costruito qui il suo osservatorio? Chi sapeva che la frenetica Shakespeare di Tamburlaine il Grande di Christopher Marlowe si basava sullo spietato tiranno del XIV secolo, Timur lo zoppo, così noto tra gli uzbeki? O che Registan Square rivaleggia con il Taj Mahal per bellezza, ma non è pieno di turisti? O che puoi mangiare cavallo? Amiamo l’Uzbekistan.

Durante tutte queste avventure abbiamo assunto guide per aiutarci ad orientarci ed ottimizzare il nostro tempo. Con il tempo più vecchi e più saggi, siamo diventati sempre più bravi ad farlo. L’anno scorso, con i nostri figli di 11, 14 e 16 anni abbiamo praticamente scelto un posto su cui possiamo essere tutti d’accordo, prenotare il volo e pagare solo l’hotel della prima notte.

L’estate scorsa abbiamo guidato lungo la costa della California con poco più di un piano per vedere alcuni college e non molto di più. Grazie agli dei del tempismo e alla volontà dei bambini di seguire la corrente, abbiamo incrociato i percorsi con sei dei miei amici più cari dell’università e siamo finiti nella loro fantastica vasca idromassaggio anziché nella piscina di un motel lungo la strada. Esattamente ciò che facevamo in viaggio io e mio marito prima dei bambini, quando ci incontravamo in Marocco o cavalcavamo nel Cile più remoto.

Mi vergogno leggermente ad ammettere che per le vacanze di primavera di quest’anno torneremo in Messico, e non andremo in Etiopia come avevamo originariamente previsto, ma siamo tutti sfiniti. A volte devi cedere ad un viaggio rilassante per ringiovanire e rilassarti. Sono sicura che passeremo le notti a parlare di dove andare dopo, e so che Costa Rica sarà nella lista dato che la piccola è pazza per gli animali ed desiderosa di mostrare la sua capacità di tenere il passo con i suoi fratelli sulle zipliner. Sia che si tratti della penisola di Osa o del Nord Africa (anche in cima alla lista), questi viaggi in famiglia ci regalano ricordi che condividiamo e tempo insieme davvero importantissimo, assieme alla libertà di commettere errori e imparare da questi.

Scorpion
Pechino

Ora so che non mangeremo mai uova prima di un lungo viaggio in macchina, dato che la mia camicia di Pechino odora ancora di vomito. Lasceremo sempre alcune ore al giorno per rilassarci nella stanza o in piscina (e se c’è un’opzione per una piscina, la prenderemo, grazie mille). Un gelato al giorno è ancora un piacere anche per un 16enne (o un 51enne). Fintanto che i telefoni cellulari funzioneranno, saremo persino d’accordo nel lasciare che i tre bambini se ne vadano a gironzolare per qualche ora. Tornano sempre con le migliori storie, che possono accadere solo in un posto nuovo e con un po’ di libertà.

Ho detto ai ragazzi del Messico, ed erano entusiasti. Non eccitati come saranno per il Costa Rica, ma va bene comunque. Dopo così tanti paesi e viaggi sia difficili che facili, i miei figli hanno imparato ad amare i viaggi, se non per crogiolarsi al sole o mangiare cavallo, almeno per interrompere il ciclo di scuola, sport, compiti a casa, scuola. E io ho imparato due regole: valutare i miei obiettivi prima di prenotare qualsiasi vacanza in famiglia e poi allinearli con gli interessi dei ragazzi.

La scelta dell’Etiopia non avrebbe conquistato il cuore dei miei figli in questo momento. Al contrario, un ritorno nel Messico facile e affidabile. Trascinarli a Vienna quando erano troppo piccoli per capirla era una perdita di tempo e denaro. Ora scegliamo insieme, seguiamo la corrente e prendiamo sempre il tempo per il gelato.

 

Heidi Mitchell è una scrittrice ed editore che si occupa di tendenze, viaggi, media, politica, moda, architettura e design. Collabora regolarmente con il Wall Street Journal, Vogue, il New York Post e Travel + Leisure. Heidi vive a New York e Chicago con suo marito e tre figli.