Mille E Una Notte

Marrakech la seduttrice

Dietro le sue mura bagnate dal sole ai piedi degli Atlanti, la città imperiale fa giochi di prestigio davanti ai nostri occhi. 

Un calore avvolgente, colori che ipnotizzano lo sguardo e un’energia interminabile, Marrakech da sempre attrae i viaggiatori nel suo labirinto di caos organizzato. Li stordisce con profumi di spezie, riad accoglienti e segreti, e magari il sogno di Alì Babà di trovare un tesoro nascosto. Al di là dell’immagine popolare che ama offrire ai turisti, questa città svela di avere anche una seconda identità, più autentica, più raffinata, plasmata da tradizioni secolari che si mescolano ad una modernità originale.

La “città rossa” ha entusiasmato gli animi sensibili di Jacques Majorelle, Yves Saint Laurent, Matisse e Hitchcock. Molti artisti sono stati ispirati dal suo carattere esotico e scintillante e, come molti di noi, sono arrivati a Marrakech per rilassarsi, festeggiare, rigenerarsi alla vista dei suoi paesaggi ocra e il suo amore per la vita.

Bahia Palace
Il Palazzo El Bahia

I palazzi

Mentre molti dei palazzi ed edifici religiosi sontuosi di cui si è arricchita nel corso dei secoli non sono sopravvissuti a tutti i regni che si sono successi in questa regione, alcuni testimoniano tuttora l’opulenza e la raffinatezza che un tempo abbagliava i suoi vicini.

The Bahia Palace (che significa “il magnifico, “il luminoso”) è il patrimonio più bello. All’epoca della sua costruzione, nel XIX secolo, era il palazzo più grande e lussuoso del paese. Conduce il visitatore in un labirinto di 150 stanze, cortili e cortili decorati con soffitti in legno intagliato, mosaici in marmo e fontane sotto l’ombra di alberi di arancio e ibisco. La famiglia reale marocchina saltuariamente vi soggiorna tuttora.

Oggi parzialmente distrutto, il palazzo El Badi or “palazzo dell’incomparabile” è, come dice il suo nome, un testimone del passato glorioso di Marrakech. Una bellezza da sogno scolpita con i migliori materiali importati da tre diversi continenti. Uno splendore che gli è valso caro: il palazzo è stato saccheggiato da un sultano geloso, che ha preferito adornare il suo palazzo a Meknes.

Un altro capolavoloro marocchino, le tombe Saadiane sono una delle poche vestigia dell’era saadiana del XVI e XVII secolo. Queste tombe reali sono riccamente decorate con mosaici, colonne e archi con merletti fini.

Majorelle Garden
I giardini di Majorelle

I giardini di Majorelle e il museo di Yves Saint Laurent

Il pittore francese Jacques Majorelle, figlio del famoso decoratore dell’epoca Art Nouveau Louis Majorelle, fu sedotto da Marrakech e decise di stabilirvi nel 1923. Acquisito un palmeto, decise di farne il giardino più bello della regione ed installare qui il suo studio, in uno stile Art Deco, che ha poi dipinto completamente blu con la tonalità di sua invenzione, il “Majorelle blu”.

Dopo la sua morte, nel 1980 Yves Saint Laurent e Pierre Bergé comprarono la tenuta e si misero al lavoro per ripristinarne lo splendore di un tempo. Il lusso di questa oasi verde smeraldo ricca di piante esotiche raccolte in tutto il mondo e il suo ambiente delicato ne fanno uno dei luoghi più visitati del Marocco.

Oggi un museo berbero occupa lo studio dell’artista, esibendo una collezione di oggetti che illustrano la cultura berbera attraverso i secoli: strumenti quotidiani, imponenti ornamenti di gioielli o abiti tradizionali con raffinati ricami che hanno ispirato il couturier francese e la cui interpretazione è stata trovata nel museo ad essa dedicato.

In un edificio in bilico tra curve e linee rette che evocano il movimento di un tessutoil museo Yves Saint Laurent è nato nel 2017 per celebrare il lavoro di una vita. Attraverso una tela cronologica e l’esposizione di quasi 3500 tra le più belle creazioni del couturier, potrete ripercorre l’evoluzione di uno stile che ha rovesciato i codici francesi e ha ispirato molti altri a scegliere di visitare il Marocco.

The souk
Le Souk e il concept store Max & Jan

La Medina

I Souk 

I souk della medina rivelano le loro strade nodose e i loro angoli ricchi di sorprese. Sono divisi in corporazioni: produttori di gioielli, tappeti, lampade, tessuti o spezie. I colori scintillanti e i metalli traboccano le bancarelle per offuscare meglio lo spirito del visitatore che da tempo ha perso la sua strada.

Oggi l’autenticità dei prodotti in vendita è oggetto di discussione, quindi è meglio acquistare altrove. La mattina è il momento migliore, il più tranquillo, per perdersi tranquillamente in questo labirinto colorato.

Jemaa el-Fna

Un vasto crocevia popolare per le antiche attività giudiziarie e commerciali delimitate dai souk, Jemaa el-Fna manifesta tutto il suo folklore dopo il tramonto. Vi consigliamo di  stare alla larga dalle dalle scimmie e dai cartomanti .

Il concept store Max & Jan
All’angolo di un vicolo nella medina, Max & Jan è un grande mercato coperto con negozi, un ristorante biologico con prodotti locali e lezioni di yoga. Le creazioni esposte, ovvero abiti, gioielli, oggetti decorativi, giocano con l’elegante tendenza etnica, traendo ispirazione dalla cultura magrebina rielaborata da un occhio contemporaneo.

Mamounia
La Mamounia

Le Spa

La Mamounia

Uno degli hotel più chic di Marrakech, La Mamounia è famoso anche per le sue terme dal lusso principesco. Mosaici, alcove sommessi e sale giochi immacolate alimentano le pagine di Instagram di molti influencer e celebrità.

La Maison Arabe

La magia avvolge ogni angolo del primissimo hotel a Marrakech, dal cortile interno scavato da una piscina all’elegante spa della tradizione marocchina. I trattamenti giocano la carta dell’originalità: hammam con fiori d’arancio, cura all’henné o scrub al profumo di geranio. Potrete anche cogliere l’opportunità di frequentare un corso di cucina marocchina nella sua famosa scuola.

Le Palais Khum

Più piccolo, ma pieno di fascino, questo boutique hotel non ha nulla da invidiare ai più grandi benessere. Con i suoi due hammam tradizionali, combina l’autenticità di un rituale culturale con la modernità di una piscina incorniciata da un tetto in vetro. Incorniciate l’esperienza con un pranzo nel suo giardino interno.

Horn and Nomad
La boutique Corne De gazelle e il ristorante le Nomad

La gastronomia

Nomad restaurant

Sul rooftop di tendenza in alto nel cuore della medina, il Nomad offre una pausa tranquilla tra tappeti e chincaglieria. In un ambiente raffinato che corre su più livelli, qui potrete gustare una cucina mediterranea moderna: gustose grigliate di carne e verdure, insalate rinfrescanti e l’immancabile couscous ricoperto di tè freddo.

La Famille

Un altro paradiso di pace, discretamente allestito dietro una porta della medina, La Famille apre il suo orto agli amanti dei piatti vegetariani e biologici per un pranzo bucolico con semplicità e sapori delicati.

La Grande Table Marocainefirmato dal famoso chef del trio Yannick Alléno, reinterpreta i classici marocchini incorporando un tocco francese in un ambiente magico. The Table e The Garden, più rilassati, completano il trio gastronomico di Royal Mansour.

Per assaporare deliziosi dolci marocchini fatti in casa, andate al negozio Corne De gazelle. State attenti, rischierete di andarci più di una volta durante il vostro soggiorno…

Atlas Mountains
L’Atlante e la valle di Ourika

Le montagne dell’Atlante e la valle di Ourika

Raggiungibili anche in giornata da Marrakech, le montagne e le valli dell’Atlante racchiudono un maestoso paesaggio montuoso fiancheggiato da vegetazione, cascate e villaggi berberi. La valle di Ourika è una delle più famose, con le sue fabbriche di olio di argan e sentieri da esplorare.

Gli Hotel

Marrakech è diversa da qualsiasi altra città, proprio come gli hotel di Tablet non assomigliano a nessun altro hotel. Ora sai dove trovare il cuore della città, quindi è il momento di scoprire i posti migliori dove stare.

Almaha Marrakech

Medina

Almaha Marrakech - boutique hotel in Marrakech

Quando un riad di Marrakech trae ispirazione dalla poesia “L’invito al viaggio” di Baudelaire, il progetto è decisamente promettente. Con il suo incantevole arredamento in quelle che erano state le stalle reali, l’Almaha avrebbe senza dubbio conquistato il poeta.

DETTAGLI & DISPONIBILITA

 

Le Riad Monceau

Medina

Riad Monceau - boutique hotel in Marrakech

Un altro edificio straordinario nella medina, il Riad Monceau si distingue grazie al talento della sua proprietaria, l’artista Isabelle Aubry, che ha sfruttato lo splendore dell’arte islamica e marocchina, portando in questo riad tutta la magia e la raffinatezza dell’era imperiale.

DETTAGLI & DISPONIBILITA

 

Riad 72

Medina

Riad 72 - boutique hotel in Marrakech

La versione contemporanea della tradizionale casa marocchina, il Riad 72 combina autenticità e modernità, avvolgendo il tutto in una tavolozza calda e accogliente. Questa oasi di tranquillità nel cuore della città vecchia potrebbe mettere in discussione il vostro desiderio di mettere il naso fuori dalla porta.

DETTAGLI & DISPONIBILITA

 

Le Palais Paysan

Route d’Amizmiz

The Peasant Palace - boutique hotel in Marrakech

Ai piedi delle montagne dell’Atlante, questo cosiddetto “palazzo dei contadini” è tutt’altro che avaro di comfort. Dalla drammatica geometria del suo ingresso alle ampie vedute che si snodano in ogni direzione, Le Palais Paysan è un rifugio di pace a meno di un’ora dal cuore della città.

DETTAGLI & DISPONIBILITA

 

Selman Marrakech

Route d’Amizmiz

Selman Marrakech - boutique hotel in Marrakech

Dopo aver scoperto i palazzi di Marrakech, non vi aspettereste di meno dal vostro alloggio. Quindi dirigetevi verso il Palazzo Selman dove vi attende la vita da pascià: bagno in marmo, piscina olimpionica, spa Henri Chenot e una famiglia di cavalli arabi purosangue da ammirare da vicino.

DETTAGLI & DISPONIBILITA'