Un 2019 tutto da scoprire

Sette destinazioni per il nuovo anno

Finite le feste, si ricomincia a pianificare l’anno nuovo. Eccovi dei suggerimenti su dove andare nei prossimi mesi.

La vita è piena di mistero ma, quando ci troviamo davanti ai resti di un’antica civiltà o alle meraviglie della natura, sappiamo che almeno una cosa è certa: per ora siamo qui. Sfruttate al meglio il presente e andate a vedere questi monumenti, ecco il succo dei nostri consigli di viaggio del 2019. Queste sette destinazioni hanno attirato i viaggiatori per molti anni e meritano una visita, non rimandatela di un altro anno.

 


Matera

Una città di 60.000 abitanti, isolata nella montuosa regione della Basilicata. Hotel distinti, chiese storiche, ristoranti alla moda costruiti direttamente nel calcare. Pensate che con grazie alle sue grotte, Matera dice di essere il terzo tra i più antichi insediamenti al mondo. Certo, nel 1952 quelle stesse antiche grotte hanno portato gli abitanti ad andarsene, ma con il progetto di restauro iniziato nel 1986 e la generazione più giovane è tornata da queste parti per rinnovare e ristrutturare ciò che giustamente riconosciuto come un tesoro globale. Sembra davvero una favola, che ovviamente finisce bene.

Matera

Matera non è così abituata ai turisti come gli altri punti caldi in Italia e quindi, dato che quest’anno il suo turno tra le stelle grazie alla selezione come una delle due capitali europee della cultura per l’anno, le cose cambieranno. Il sindaco ha chiesto di non gettare cartacce e non sporcare, noi rispondiamo che non ci passerebbe mai per la mente di farlo.

DOVE STARE:

Gli alloggi a Matera sono una questione di quanto vicino si vuole stare ai sassi, alle grotte. Palazzo Margherita è un hotel di nove suite nella provincia di Matera, non la città (che non è esattamente un sacrificio quando sei vicino alle spiagge del Mediterraneo). Palazzo Gattini Luxury Hotel si affaccia sulle grotte, costruite con l’antica pietra della regione. Poi c’è Sextantio Le Grotte Della Civita, un hotel diffuso le cui stanze sono sparse intorno ai sassi stessi, e questo significa stanze scavate nella roccia, ma di puro lusso.


Sveti Stefan

Un villaggio di pescatori del XV secolo circondato da case medievali restaurate e’ ora uno dei luoghi più esclusivi e lussuosi del mondo. Sveti Stefan è fotogenico, per non dire altro. Probabilmente l’avete visto, la foto aerea di quella piccola goccia di terra nell’oceano, costellata di case dai tetti rossi e collegata alla terraferma da un istmo dall’aria fragile. Prima di diventare una proprietà di Aman era gia’ un resort, spesso associato a visite di artisti celebri come Sophia Loren, Orson Welles ed Elizabeth Taylor, ospiti affascinanti che si possono facilmente immaginare affacciati dai cottege ad ammirare il sereno Mare Adriatico.

Aman Sveti Stefan - boutique hotel in Montenegro

Anche se soggiornare presso un Aman non è nel vostro budget del 2019 (o nel nostro), il posto è una destinazione legittima anche solo per ammirarla da un capo all’altro, con ristoranti sull’isola aperti non solo agli ospiti del resort. L’isola dista un’ora di auto dalle città montenegrine di Tivat e Kotor, che non sono per niente male come base: Chedi Luštica BayRegent Porto MontenegroPalazzo Radomiri.

DOVE STARE:

L’intera isola, con la sua storia medievale e l’architettura restaurata, appartiene esclusivamente ad Aman, ed i proprietari hanno arricchito i cottage in pietra con tutti i comfort di lusso. È possibile accedere all’isola con la prenotazione di un ristorante, ma non potrà essere una visita prolungata se non siete ospiti. L’isola è aperta durante l’estate, mentre la Villa Milocer di Aman sulla terraferma rimane aperta tutto l’anno.


Titicaca

Ottomila chilometri quadrati di acqua blu. Le rovine inca. La casa natale del sole. Il Lago Titicaca non è un lago qualunque. È massiccio, attraversa il confine tra Bolivia e Perù, con antiche rovine e isole vivaci disseminate ovunque. Inevitabilmente alcune delle più singolari sono le dozzine di piccole isole “galleggianti” costruite dal popolo degli Uros sulle canne. Hanno bisogno di rinforzi costanti, in parte a causa della routine di decomposizione del materiale da costruzione, e probabilmente in parte a causa del traffico turistico tra residenti e viaggiatori, che affollano le Isole Uros per fare delle foto.

Titilaka - boutique hotel in the Titicaca

Poi ci sono le rovine. Isla del Sol, sul lato boliviano, e Isla de Taquile, su quello peruviano, sono le ambientazioni di importanti leggende Inca e siti di rovine tangibili, sia degli Inca che delle culture che li precedono. Qui solo dieci anni fa un team di esperti ha scoperto parte di una città sottomarina nascosta che risale a più civiltà pre-inca. Un museo sottomarino è ora in lavorazione, pronto per essere inaugurato tra breve, ma c’è comunque molto da vedere, e con il nuovo treno Belmond Andean Explorer che facilita il viaggio, pensiamo che valga la pena battere quella che potrebbe essere la corsa per il Titicaca dell’anno successivo.

DOVE STARE:

Dalla parte peruviana, Titilaka offre sia una vista in prima fila delle acque blu profondo del Lago Titicaca che tour archeologici personalizzati della regione.

Marfa
Foto di Jesse Sewell a Unsplash

Le montagne Chisos, il deserto di Chihuahua, il Rio Grande. Luminose vedute del cielo stellato. Adorabili maiali selvaggi. Il Big Bend National Park, nel profondo sud del Texas, al confine con il Messico, ha davvero tutto. Eppure, mentre altri parchi americani come Yellowstone e Yosemite hanno stabilito record con oltre quattro milioni di visitatori all’anno, Big Bend è uno dei meno visitati nella nazione e si aggira intorno ai 400.000. Che sia perché è nel mezzo del nulla? I più saggi apprezzano questo isolamento. Qui guidare è solo un’altra cosa da fare, per esempio da un posto come il Santa Elena Canyon alla città fantasma di Terlingua, passando coyote, cervi, 450 specie di uccelli, e quelle javeline di cui parlavamo sopra (non sono proprio maiali).

Marfa - boutique hotel in Texas
Sinistra: Courtesy of Sefor4 – Own work, CC BY-SA 4.0. Destra: Courtesy of ArchiPhoto, CC BY-SA 4.0

Una delle grandi capitali mondiali per osservare le stelle e un paradiso per escursionisti e dei campeggiatori, il Big Bend ha persino una sorgente termale naturale circondata dai resti di uno stabilimento balneare risalente agli inizi del XX secolo al confine con il Rio Grande. A Boquillas Crossing, per cinque dollari, i visitatori possono fare una traversata in una barca a remi in Messico per una visita turistica. Per ora è ancora possibile.

DOVE STARE:

A un’ora e mezza di auto è la città di Marfa, la cui crescente popolarità ha portato ad un maggiore interesse per Big Bend. A Marfa troverai uno dei nostri hotel preferiti, El Cosmico, dove potrete scegliere tra le loro iurte, tende, teepees o rimorchi vintage anni ’50. A El Cosmico, questi ultimi sono essenzialmente le suite di lusso.


Hoi An

Una spiaggia di sabbia bianca e palme. Un lungofiume illuminato da lanterne. Una città antica che si chiama proprio città antica. Se non la conoscete potreste scambiare Hoi An per una località qualunque sul lungomare. Dopotutto, ha delle bellissime spiagge. Eppure, in gran parte a causa del suo declino come postazione commerciale alla fine del 1800, gran parte dell’antica eredità di Hoi An sopravvisse miracolosamente alla guerra del XX secolo. A breve distanza dai resort, troverete la città antica di Hoi An, un luogo dichiarato dall’UNESCO per la sua architettura “eccezionalmente ben conservata”, con influenze giapponesi, cinesi ed europee che risalgono dal XV al XIX secolo. Le centinaia di case con struttura in legno e il ponte giapponese con la sua pagoda si trovano nella struttura originale della città.

Four Seasons Resort, The Nam Hai - boutique hotel in the Vietnam

Hoi An è anche molto accogliente. Serve biglietto per visitare la città antica e una guardia controlla chi passa, ma ci sono anche circa dieci miliardi di lezioni di cucina tra cui scegliere in una città conosciuta per la sua cucina particolarmente eccellente. Vi consigliamo di organizzare la vostra visita durante uno dei festival delle lanterne in coincidenza con il calendario lunare del 2019.

DOVE STARE:

The Nam Hai, con le sue splendide ville lungo la sabbia offre il meglio del meglio, soprattutto per chi ama il mare ma, con la sua acquisizione da parte del Four Seasons, ha anche aggiunto attività come la Nam Hai Cooking Academy, gite in bicicletta attraverso la campagna e crociere lungo il fiume Cua Dai per completare il tutto.

Melbourne
Immagine per gentile concessione di Visit Phillip Island

Un gran prix motociclistico. Una magnifica formazione rocciosa. Un centro di conservazione per i koala. Sì, ci sono altre cose da vedere a Phillip Island, oltre alla marcia dei pinguini. Ma se state facendo il viaggio da Melbourne o siete venuti qui per una cosa … è ovviamente quella. Ogni notte, come hanno fatto per migliaia di anni, i pinguini più piccoli del mondo camminano verso casa dal mare ai loro nidi mentre i turisti guardano dalle passerelle o dai centri di osservazione sotterranei, resistendo alla potente voglia di scattare foto (i pinguini sono estremamente sensibili ai luce). È uno spettacolo davvero così incredibile come sembra.

Melbourne
Immagine per gentile concessione di Visit Phillip Island

I pinguini, come molte delle attrazioni naturali in Australia, sono molto colpiti dai cambiamenti climatici. Per cercare di non deprimerci, in modo ironico, i rapporti degli ultimi anni indicano che ora è il momento migliore per vedere questo spettacolo. Gli scienziati ritengono che il riscaldamento globale stia portando alla nascita dei pinguini in anticipo durante la stagione, evitando loro quindi l’incontro estivo con alcuni dei pericoli che li affliggono e ampliando quindi il loro di quelli che marciano su Phillip Island. Gli scienziati non sanno per ora quale sarà l’effetto sull’ecosistema dell’aumento del numero di pinguini, ma a noi sembra il momento ideale per ammirarne la parata.

DOVE STARE:

A 90 minuti di auto da Phillip Island, Melbourne ha qualcosa per tutti, come ci si aspetterebbe dalla seconda città più grande in Australia. Ovolo Laneways, The Prince, Lyall Hotel and Spa e Tyrian Apartments sono alcuni dei nostri favoriti.

Fes
Foto per gentile concessione di محمد بوعلام عصامي , CC BY-SA 4.0

Case blu. Strade blu. Città blu. Chefchaouen sembra essere uscita da un libro di fiabe, ed è molto facile da raggiungere anche dalla Spagna. E’ vero che la maggior parte dei visitatori vengono in Marocco per fare i soliti itinerari di Marrakech e Fes. Una volta realizzate che troverete le stesse caratteristiche anche qui, una grande moschea storica, un’architettura secolare, ma con molto più blu, ne farete una meta di viaggio. Non sembra esserci una risposta diretta sul motivo per cui gli edifici sono blu in Chefchaouen. Alcuni dicono che sia un repellente naturale per le zanzare, altri attribuiscono lo stile alla comunità ebraica che è arrivata dopo l’inquisizione nel 1492. Tutto ciò che sappiamo con certezza, e inequivocabilmente, è che è bello.

Fes
Foto di Doran Erickson a Unsplash

Intanto dovreste farvi venire l’appetito per le prodigiose quantità di formaggio di capra e per il succo d’arancia tanto amato a Chefchaouen. Per farlo, raccomandiamo la scena varie escursioni anche nelle montagne circostanti e per vedere le magnifiche cascate d’Akchour. Se non lo sapevate già, il Marocco è anche uno dei maggiori produttori di hashish del mondo, e la Città Blu è una destinazione nota per quel particolare tipo di turismo con tanto di tour per vederne la produzione.

DOVE STARE:

Dato che qui non c’è l’aeroporto, vi raccomandiamo di intraprendere le tre o quattro ore di macchina da Chefchaouen a Fes. Fes, profondamente storica ma meno affollata di Marrakech, è piena di riad di tutti i tipi, dal lussuoso Palais Amani al più intimo Riad Laaroussa.. E con Fes come base di partenza, troverete molte opzioni per gite di un giorno a Chefchaouen.