Nel mosaico del Caucaso

Tra tra Oriente e Occidente in Georgia

Laurent Vernhes, l’amministratore delegato e il co-fondatore di Tablet, ha visitato l’ex repubblica sovietica della Georgia, dove ha scoperto vini unici, montagne incredibili e un paese che sta finalmente ottenendo l’attenzione che merita.

Ogni anno porto uno dei miei tre figli, uno alla volta, in viaggio come me, solo noi due, a rotazione. Scelgono loro la destinazione, ma la regola è che deve essere un posto dove non sono mai stato, così da arrivarci alla pari, ripartire da zero e conoscerlo assieme. Quest’anno è stato il turno del mio figlio adolescente Sébastien, che ha scelto l’ex repubblica sovietica della Georgia. Quindi devo ringraziare mio figlio non solo per il fatto che finalmente ho potuto vedere questo straordinario angolo di mondo, ma anche per avermi permesso di ricordare il viaggio. I georgiani sono dei padroni di casa appassionati, che sembrano godere nel vedere il vino e la chacha, il brandy georgiano, scorrere senza fine, e riempire le serate con canti e brindisi. Non avrei potuto resistere se mio figlio non fosse stato lì per tenermi lontano dai guai.

Mountain Town
Stepantsminda e il monte Kazbek

Come co-fondatore di una compagnia di viaggi mi viene spesso chiesto di prevedere la prossima destinazione “di tendenza”. Trascorro la maggior parte del mio tempo nelle grandi città del mondo, vivo in una metropoli, quando si tratta di viaggiare la mia priorità è quindi sfuggire alla folla e al clamore e cogliere l’opportunità di conoscere una destinazione ancora poco conosciuta. Anche nell’era di Instagram fortunatamente c’è ancora una scelta apparentemente infinita di posti simili. La Georgia è ora aperta agli stranieri come, molto semplicemente, non era stato durante la mia vita. Il suo emergere graduale, e tuttora in corso, dall’ombra della dominazione sovietica e russa sembra un caso lampante di come uno dei luoghi più interessanti del mondo finalmente riesca ad ottenere il riconoscimento globale che ha sempre meritato.

In effetti, il rapporto con la Russia è diventato più complicato. Una disputa politica in corso si è intensificata al punto che la Russia ha interrotto i voli delle sue compagnie aeree per Tbilisi, rimuovendo efficacemente il paese dal flusso di quello che era stato finora gran parte del suo turismo in entrata. Quindi, se c’è mai stato un momento in cui la Georgia ha avuto bisogno di visitatori da oltreoceano e dall’Europa, è questo. Probabilmente è anche il momento perfetto per andarci.

Church
La chiesa della Trinità di Gergeti

Geograficamente si tratta letteralmente di un crocevia, anche se con alcune delle strade di montagna più pericolose un po’ ovunque. I georgiani sono molto orgogliosi della loro reputazione di grandi guerrieri, ma sono stati conquistati in varie epoche dalle civiltà persiana, turca, araba, mongola e russa. Una lista non da poco. Fino a poco tempo fa, in effetti, questo paese era stato indipendente solo per un breve periodo nel corso del 13esimo secolo, un’era che nella memoria georgiana viene definita come l’età d’oro del paese. La storia georgiana e la sua identità sono intimamente legate alla versione locale del cristianesimo ortodosso, diverso dalla versione russa e dalla versione praticata nella vicina Armenia. Se venissi portato qui con gli occhi bendati e non mi trovassi di fronte a una delle sue chiese caratteristiche, ci metterei un po’ a capire se mi trovo in Europa, in Asia o altrove. E c’è qualcosa per tutti da queste parti, dall’avventura nelle montagne del Caucaso alla scena enogastronomica di Tbilisi, che è il paradiso per i mangiatori e i bevitori avventurosi.

In primo luogo, le montagne. La catena del Caucaso attraversa l’intera lunghezza del paese, coprendo il terreno delle Alpi, ma raggiungendo livelli molto più elevati e imponendosi ancora più drammaticamente sull’ambiente circostante. Lo sci e lo snowboard, naturalmente, sono incredibili, e Sébastien e io abbiamo trascorso alcuni giorni spettacolari sulle piste a Gudauri. Comunque, anche se non siete interessati alle montagne, la Georgia dovrebbe essere nella vostra lista dei paesi da vedere.

Caucasus Mountains Georgia
Le montagne del Caucaso

Abbiamo anche visitato il Museo di Stalin, nella città di Gori, dove è nato. Non si tratta di un monumento a Stalin, ma qualcosa di molto più interessante: un museo di un museo. Hanno lasciato tutto esattamente come era nel 1989 e, sebbene fosse indubbiamente un monumento sovietico post-stalin, ora sembra un commento ironico sulla propaganda e sulla falsificazione della storia. Non avevo mai visto niente del genere.

Non le bastava avere le montagne più alte d’Europa (a seconda di dove si pone il confine con l’Asia), la Georgia sostiene anche di avere la più antica cultura vinicola del mondo, e le ultime prove archeologiche lo confermano, dato che i primi vini georgiani risalgono a circa 8.000 AC, battendo l’Armenia di un paio di millenni. La campagna è costellata da un vasto numero di vigneti, e qui crescono qualcosa come 500 varietà di uva autoctona. Tbilisi ha più negozi di vino di Parigi. Da francese ossessionato dal vino, mi sono imbarcato in quest’esplorazione senza pensarci due volte.

Stalin
Il museo di Stalin

Molti dei vini sono a livello amatoriale, dato che qui quasi tutti quelli che vivono in campagna producono il loro vino, e i vigneti gestiti professionalmente non erano esposti alla competizione internazionale durante il periodo sovietico. Mi aspettavo che ci volesse un po’ di tempo per adattarsi a una nuova gamma di gusti, ma devo ammettere che alcune di queste bottiglie mi sono piaciute subito, inclusi alcuni vini dolci rossi e arancioni  (prodotti attraverso il contatto prolungato con la buccia dell’uva), una vecchia tradizione che è diventata di moda tra i produttori di vino innovativi dell’Europa occidentale. Il metodo locale più tradizionale prevede la fermentazione del vino in anfore o in vasi di terracotta, anziché in botti di legno o in acciaio. Anche in Francia, dove sono sempre alla ricerca di un vantaggio nella produzione del vino, alcuni vigneti alla moda usano anfore ora, ma i georgiani sono dei veri maestri.

Wall
Graffiti a Tbilisi

Ecco alcune bottiglie da cercare nei negozi locali e nelle liste dei vini quando ne avete l’occasione: Giuaani “Perle du Caucase” Mtsvane Qvevri 2016, Lukasi Kisi 2014 e Saperavi 2015, Orgo Saperavi 2017 e Shumi Iberiuli Kindzmarauli Semi-dolce Premium 2017. E in generale, Chateau Mukhrabi Saperavis è una grande cantina con ampia distribuzione, i cui vini sono più prevedibili ma comunque di alta qualità.

I vini georgiani che mi sono piaciuti meno forse richiedono del tempo per essere apprezzati, ma beneficiano comunque del loro abbinamento al cibo georgiano, che è da solo un altro ottimo motivo per il viaggio. Qualsiasi paese con una tale varietà di influenze culturali non può non avere una cucina unica. Le delizie della Georgia includono molti sapori mediorientali, deliziosi gnocchi di maiale giganti gentilmente concessi dai mongoli e pane che si presenta in molte forme, spesso con il formaggio, e raramente delude. Il khachapuri, una specie di pizza robusta e pesante con diversi tipi di formaggio e talvolta un uovo in cima, porta ad una strana dipendenza.

Tbilisi
Tbilisi

Abbiamo mangiato incredibilmente bene, grazie anche ad alcuni consigli della mia amica Emily e alcune fortunate scoperte da parte nostra. Il Cafe Leila, nel centro storico di Tbilisi, è un delizioso ristorante vegetariano, mentre Culinarium è un’opzione più elaborata, dove lo chef Tekuna sta portando la moderna cucina georgiana fuori dall’ombra dell’era sovietica. E un ottimo ristorante con un nome altrettanto prestigioso è Pheasant’s Tears, a Sighnaghi, nella regione vinicola di Kakheti. Se siete da quelle parti è un ristorante da non perdere, ed è collegato a un’azienda vinicola.

Un altro eccellente ristorante in cui siamo imbattuti è il Café Stamba, situato nell’hotel omonimo. Gli hotel di Tablet in Georgia sono tutti il ​​lavoro di un singolo albergatore, Valeri Chekheria, un uomo d’affari di talento che sembra anche motivato soprattutto dal desiderio di essere un buon padrone di casa. Sarebbe facile confrontare Fabrika a Tbilisi con gli hotel Freehand, con la loro atmosfera da ostello, la lobby dove socializzare e lavorare e i letti a castello. Gli hotel Rooms sono forse paragonabili agli hotel Ace, e Stamba, a Tbilisi, è un boutique hotel di fascia più alta. Ma non sono imitazioni. Rooms di Tbilisi non è solo ottimo per la Georgia, sarebbe lo stesso se si trovasse da qualunque altra parte. 

Stamba Hotel

Tbilisi, Georgia

Stamba Hotel - boutique hotel in Tbilisi

Stamba occupa un edificio classico degli anni Trenta un tempo sede di una famosa casa editrice, e la patina post-industriale dell’edificio le conferisce un’identità visiva tutta sua e un po’ surreale, come gli alberi che crescono nell’atrio centrale a cinque piani. Le camere sono in stile retrò, con testiere in pelle ed infissi in ottone, non sono opulente ma hanno più di un tocco di lusso.

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Rooms Hotel Tbilisi

Tbilisi, Georgia

Rooms Hotel Tbilisi - boutique hotel in Tbilisi

Questo hotel a otto piani si trova all’interno di una vecchia casa editrice ed incarna molte delle qualità che rendono Tbilisi così attraente: un’architettura elegante, una ricca tradizione nella letteratura e nelle belle arti, uno spirito bohémien, un’enfasi sulla vita sociale. Il design prende ispirazione dalla funzione originale dell’edificio, ma non si può dire che sia limitato ad uno stile chic industriale: i tappeti persiani sbiaditi e i colorati pezzi vintage aggiungono un’atmosfera vissuta ed accogliente che fa venir voglia di fermarsi a bere un altro drink.

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Rooms Hotel Kazbegi

Stepantsminda, Georgia

Rooms Hotel Kazbegi - boutique hotel in Stepantsminda

L’architettura qui prende ispirazione dallo stile di un tipico rifugio di montagna: arioso, con tanti spazi aperti, finestre dal pavimento al soffitto, divani in pelle accoglienti. C’è anche un tocco moderno e sostenibile, con arredi di Restoration Hardware e l’etichetta belga Flamant, legno locale, mattoni a vista, tappeti d’epoca, linee pulite e infissi d’ispirazione retrò leggeri e sgabelli, libri da sfogliare, globi a girare. Non si tratta della casa di montagna del nonno, tanto per capirci.

VISUALIZZA ALTRE FOTO

 

Fabrika Tbilisi

Tbilisi, Georgia

Fabrika Tbilisi - boutique hotel in Tbilisi

Fabrika segue un concetto che è piuttosto familiare: in parte hotel boutique, in parte ostello, in parte spazio per eventi poli-funzionali. Qui la vita sociale ha la precedenza sull’idea tradizionale di lusso. L’edificio è una struttura utilitaria in cemento, un ex fabbrica tessile dell’era sovietica, i cui esterni sono rimasti più o meno intatti, con graffiti e tutto il resto. Gli architetti hanno puntato sugli interni, trasformando uno spazio grigio in qualcosa di vibrante e accogliente.

VISUALIZZA ALTRE FOTO